Un’importante iniziativa quella intrapresa dal Comune di Roccadaspide per favorire la lotta al randagismo e, contemporaneamente, andare incontro alle esigenze dei cittadini.

E’ stato infatti approvato in Consiglio comunale il “Regolamento per l’adozione e il sostegno di cani ritrovati sul territorio comunale ricoverati nelle strutture convenzionate con il Comune di Roccadaspide“. La finalità del regolamento è quella di incentivare l’adozione di randagi, ospitati presso la struttura convenzionata con il Comune, e di garantire il loro benessere e prevenire così il sovraffollamento del canile, che è causa di aggravio economico per l’ente municipale.

L’interessante novità consiste però nel fatto che il Comune tende ad incentivare le adozioni e quindi, per i primi tre anni, sarà riconosciuto un contributo una tantum di 100 euro all’anno da scalare sul ruolo della TARI per 3 anni. L’erogazione del beneficio cesserà con la morte dell’animale, fatte salve le somme già erogate e quelle maturate alla data del decesso.

Il Comune pubblicherà sul sito istituzionale le foto dei randagi che possono essere dati in affido e il personale specializzato della struttura convenzionata aiuterà e consiglierà i cittadini interessati nella scelta del cane più adatto alle loro esigenze. Il cane, dal momento dell’adozione, diventerà di proprietà del cittadino che ha richiesto l’affido, che quindi assumerà la custodia e tutte le responsabilità relative all’animale.

L’ufficio comunale preposto al servizio controllerà periodicamente le condizioni in cui è tenuto il cane adottato e, in caso di maltrattamento, provvederà a sporgere denuncia e a revocare l’adozione.

In caso di inadempienza all’obbligo di custodire e mantenere l’animale in buone condizioni, il beneficiario dovrà restituire il contributo già ricevuto.

– redazione – 


 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano