Il 75% delle domande per l’invalidità civile viene trattato più di due mesi dopo l’invio della domanda, solo nel 25% dei casi i tempi di chiamata per l’accertamento sanitario delle visite ordinarie avvengono entro i 60 giorni. È questo il dato di un’analisi statistica dell’osservatorio nazionale del Patronato Acli che ha interrogato le sedi provinciali rilevando un’Italia frammentata, a varie velocità dove, accanto a situazioni locali prive di particolari criticità, si registrano invece segnalazioni di forte difficoltà dove i tempi di attesa possono superare anche i 6 mesi.

È un’emergenza silenziosa presente nelle nostre famiglie con un forte impatto economico e sociale, – dichiara Gianluca Mastrovito, presidente provinciale del Patronato Acli – ora si deve trovare una soluzione, una risposta immediata nell’attuazione di un piano organico coordinato dall’Istituto e reso omogeneo su tutto il territorio italiano”.

I dati dell’osservatorio attestano che nelle nostre realtà provinciali i tempi di attesa per la visita sanitaria di accertamento dell’invalidità sono per il 40% tra i due ed i quattro mesi, per il 35% oltre i quattro mesi e solo per un 25% entro i due mesi. I dati dicono anche che non esiste una chiara spaccatura tra Nord e Sud ma ci sono differenze trasversali che riguardano tutti i territori.

In alcune aree del nostro Paese le domande di invalidità civile del 2020, presentate da fine estate ad autunno inoltrato, sono in buona parte giacenti – continua Mastrovito – e questo non possiamo permettercelo. L’arretrato di 795mila visite (dato aggiornato al 31 maggio 2021) dell’area dell’invalidità civile, quindi anche dell’indennità di accompagnamento, deve essere azzerato in tempi brevi ed è necessario un piano di intervento mirato e coordinato dall’INPS tra i vari attori del processo di definizione delle pratiche. La visita agli atti deve essere la prassi operativa prioritaria, evitando quanto più possibile le visite in presenza che hanno un maggior impatto organizzativo. Ridurre drasticamente i tempi di accertamento e di definizione della pratica di invalidità civile è un’emergenza che richiede tempestività d’azione e un coordinamento operativo chiaro. Ci siamo e diamo fin da ora la massima disponibilità nel definire insieme nuove e innovative modalità volte alla semplificazione e al miglioramento del servizio, per arrivare al rispetto dei tempi previsti: entro i 30 giorni dalla data di presentazione della domanda, per l’effettuazione delle visite ordinarie ed entro i 15 giorni dalla data di presentazione della domanda in caso di patologia oncologica”.

Il Patronato Acli Salerno – conclude il presidente – può vantare una costruttiva e solida collaborazione con l’INPS. Un lavoro sinergico e positivo tra istituti, dove, pur riconoscendo le difficoltà che ci sono state, ciascuno ha dovuto ridisegnare le proprie modalità operative e organizzative. È stato un lavoro straordinario, fatto insieme, per assicurare ai cittadini la tempestività di accesso e l’erogazione delle molteplici prestazioni di tutela che venivano di volta in volta emanate dal Governo e dal Parlamento. Unire le reti dei servizi di welfare ha facilitato e agevolato il cittadino, è un risultato di tutti da cui nasce la necessità di avviare quanto prima con l’Istituto la revisione del Protocollo d’intesa INPS-Patronati, oggi datato 2012. Il mondo è cambiato e siamo cambiati anche noi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*