La Corte di Giustizia Europea, respingendo il ricorso dell’Italia, ha confermato la decisione della Commissione di rifiutare il pagamento dei fondi Ue per la gestione dei rifiuti in Campania.

La Regione Campania non recupererà 18,5 milioni di euro di fondi di coesione destinati alla gestione dei rifiuti, perchè la Commissione Europea sostiene che l’ente “non ha garantito uno smaltimento dei rifiuti senza pericolo per la salute dell’uomo e senza recare pregiudizio all’ambiente“. Nel 2007 l’esecutivo aveva avviato per questo motivo una procedura d’infrazione.

Secondo la Commissione la gestione dei rifiuti campani, per la quale erano stati stanziati i fondi, non è stata condotta in modo regolare nel periodo tra il 1999 e il 2008.

L’Italia aveva proposto ricorso contro la decisione, ma quest’ultimo è stato respinto prima dal Tribunale dell’Unione Europea e oggi, in seconda istanza, anche dalla Corte di Giustizia.

– redazione – 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*