Non ci sono rifiuti nocivi e pericolosi o addirittura radioattivi nel nostro comune“. Questo l’annuncio del sindaco di Salento, Gabriele De Marco, in merito alle analisi effettuate dopo il ritrovamento di rifiuti nelle campagne di località Piano. 

Ricordiamo che sono in corso le indagini della Guardia di Finanza di Vallo della Lucania e del Nucleo di Polizia Ambientale della Procura in seguito al ritrovamento di sacchi di juta, bidoni di plastica e fanghi emersi dagli scavi disposti dagli inquirenti ed effettuati nello scorso mese di luglio. Sulla vicenda indagano in maniera coordinata il procuratore capo Antonio Ricci e il sostituto procuratore Vincenzo Palumbo e hanno preso il via lo scorso anno quando ai Carabinieri della Compagnia di Vallo della Lucania fu presentata la denuncia da un cittadino ammalatosi di cancro.

In seguito agli scavi è emerso dalla documentazione acquisita dagli inquirenti che l’ordine di sotterrare i rifiuti in località Piana è giunto nel lontano 1995 dai vertici dell’Asl Salerno 3. Buona parte dei rifiuti scoperti erano stati oggetto di un’indagine giudiziaria finita con la prescrizione per gli imputati e l’Asl, attraverso una nota, chiese al Comune di Salento di ordinare al proprietario dell’area di coprire e compattare con il terreno le lettiere e la vasca di raccolta dei rifiuti organici.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

30/8/2020 – Rifiuti e fanghi tossici nelle campagne cilentane. Gli inquirenti:”Furono interrati per ordine dell’ASL”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*