Abbiamo avuto, purtroppo, la conferma che in passato il Cilento è stato oggetto di fenomeni di aggressione al territorio con il solito metodo dell’occultamento di rifiuti sospetti”.

Ad affermarlo, in una nota stampa, è il Dirigente di Legambiente Campania e presidente del Circolo Legambiente Torchiara Andriano Maria Guida in seguito al ritrovamento, nel territorio di Salento, di rifiuti pericolosi sotterrati nei terreni.

Ci auguriamo che gli organi competenti possano scavare fino in fondo su questa preoccupante vicenda – afferma il delegato di Legambiente – e che la magistratura individui i responsabili e li persegua con durezza. Invitiamo i sindaci e le amministrazioni comunali a mantenere alta la vigilanza sui territori riguardo questi fenomeni. Non conoscendo l’entità del problema ci sembra inopportuno paragonare il Cilento ad altre zone tristemente famose della Campania, come sta avvenendo nelle ultime ore”.

L’associazione continuerà a lavorare, insieme al Centro Azione Giuridica, affinché “venga assicurato il massimo impegno per la tutela dell’ambiente”.

– Paola Federico –


  • Articolo correlato

31/7/2020 – Rifiuti pericolosi e fanghi tossici interrati in alcune campagne cilentane. Si scava e si indaga

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*