Donato Pica, sindaco di Sant’Arsenio, informa la cittadinanza e la stampa sulle azioni che l’Amministrazione sta intraprendendo su ambiente e territorio. L’Amministrazione comunale si è costituita parte civile nel procedimento in corso in seguito all’operazione “Shamar” che ha sventato nel Vallo di Diano (nello specifico anche nel territorio di Sant’Arsenio) il traffico e lo sversamento di rifiuti eco-tossici. Ferme restando le indagini Arpac dei giorni scorsi dei cui esiti si è in attesa.

Dato lo stato delle indagini – riferisce Pica – aspettiamo comunicazioni da parte della magistratura competente che saranno trattate dai nostri legali. Abbiamo già un accordo con un laboratorio chimico che analizzerà i terreni in cui si sospettano sversamenti illeciti”.

C’è stata un’accentuazione di tutti gli interventi di pulizia e manutenzione delle strade comunali, anche con l’intervento di aziende private – aggiunge Pica-. In contrada Difesa sarà a brevissimo attivato il centro di raccolta/isola ecologica adiacente alla discarica da poco bonificata integralmente. Il nucleo volontari di Protezione civile eserciterà un controllo di guardianìa ambientale, cui speriamo che tutti i cittadini e le associazioni locali vorranno contribuire”.

Riguardo alla messa in sicurezza del territorio comunale e alla riduzione del rischio ideogeologico, dopo un lungo iter burocratico e tecnico, si è vicini alla completa messa in sicurezza del costone roccioso prospiciente l’abitato in località Sant’Antonio.È solo la parte iniziale di un disegno strategico complessivo che mira a lavori di messa in sicurezza dell’intero abitato partendo dall’estremo sud rappresentato dall’Ospedale della SS. Annunziata, fino al Serrone, il nostro centro storico” spiega il sindaco.

Pica ricorda anche che si sta realizzando un progetto di messa in sicurezza della strada del Monte Carmelo, un percorso di circa 9 km, con la rimozione delle aree franate e la sistemazione di tutto il tragitto che porta al santuario, in particolare le curve.

Infine informa dell’imminente arrivo di un finanziamento di circa 1,8 milioni di euro per il rifacimento dei tratti residuali della rete idrica:”Un intervento sostanziale di convogliamento delle aree piovane dell’abitato e l’ammodernamento dell’impianto di depurazione in località Fornace”.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*