Al via Riciclaestate, la campagna di Legambiente Campania con il contributo di Conai, Consorzio Nazionale Imballaggi, che riscontra sempre più adesioni sia tra gli Enti Locali sia tra i cittadini e i turisti, dimostrando come la collaborazione tra diversi soggetti possa costituire un punto di partenza nella promozione di una raccolta differenziata di qualità, contribuendo in maniera determinante a migliorare l’immagine del territorio nel rispetto delle bellezze naturali e incentivando un turismo sostenibile per l’economia dei luoghi.

Ad agosto e settembre i volontari di Legambiente saranno presenti nelle principali località turistiche della Campania con iniziative e piccoli laboratori sulla differenziata e sulla riduzione dei rifiuti con l’obiettivo di aumentare la percentuale di raccolta differenziata migliorandone la qualità, rendendo più efficiente la raccolta ed il riciclo dei rifiuti dei Comuni. Presso gli stabilimenti balneari, info point e spazi comunali saranno affisse locandine con dieci regole per “non contagiare” la qualità della raccolta differenziata.

Presentata la Summer Hit delle migliori performance estive dei comuni costieri per quanto riguarda la raccolta differenziata. Dei 56 comuni costieri campani analizzati sono 25 quelli che hanno raggiunto e superato nel 2019 il 65% di raccolta differenziata come previsto dalla legge e dove dunque si riscontrano le migliori performance di raccolta differenziata. Il valore più alto dell’indice è stato osservato da Ascea. I comuni in cui l’indice ha valori superiori ad uno hanno conseguito percentuali di raccolta differenziata nel mese di agosto superiori al valore soglia del 65%. Ascea, Montecorice, Pisciotta, Centola, Camerota e San Giovanni a Piro hanno conseguito le migliori performance, infatti, a fronte di un significativo e gravoso incremento della produzione di rifiuti ad agosto, rispetto al valore medio mensile annuo hanno fatto registrare elevati valori di percentuale di raccolta differenziata nel mese di agosto incrementandola anche rispetto al valore annuo.

I comuni costieri campani devono sostenere la raccolta differenziata in quegli ambiti locali che in brevi ma significativi periodi dell’anno sono sottoposti ad un notevole incremento del carico insediativo connesso ai flussi turistici e di conseguenza della produzione di rifiuti urbani ed un possibile calo nelle percentuali di raccolta differenziata. Analizzare l’efficacia nella gestione della raccolta differenziata, individuare le situazioni di criticità e scoprire le buone pratiche sono tra le ragioni che hanno spinto Legambiente a mettere a punto l’indice sperimentale di Riciclaestate (IRE). L’indice integra diversi indicatori, come la variazione nella produzione dei rifiuti e la percentuale di raccolta differenziata nel mese di agosto, restituendo una sintesi della performance complessiva. La Summer Hit è uno strumento che individua gli esempi di buone pratiche da cui si può prendere spunto per approfondire le modalità operative che consentono di ottenere le performance positive.

– Chiara Di Miele –

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*