A seguito delle recenti operazioni condotte dalla Guardia di Finanza, in merito ai controlli sul reddito di cittadinanza che ha visto coinvolta anche la Basilicata, è intervenuto il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Tommaso Coviello.

“Percepivano il reddito di cittadinanza senza averne diritto: circa 4.839 posizioni irregolari e un danno economico che ammonta a quasi 20 milioni di euro dichiara Coviello -. Alcuni avevano la Ferrari, la barca, molteplici appartamenti. Addirittura alcuni hanno inventato di avere dei figli a carico. Le irregolarità sono state riscontrate nel 12% dei 38.450 nuclei familiari controllati per un campione di 87.198 persone. Ben 1.338 percettori indebiti del reddito di cittadinanza erano già noti alle forze di polizia per altri motivi e 90 di loro hanno condanne o precedenti per gravi reati di tipo associativo. È la sintesi della recente operazione della Guardia di Finanza in Campania, Puglia, Abruzzo, Molise e Basilicata. Tra controlli superficiali e tardivi sono palesi ed evidenti le falle di una misura difesa da Movimento 5 Stelle e Pd che, ben prima di questa ennesima operazione, premia furbetti e pregiudicati a discapito di onesti cittadini e di dignitosi lavoratori e lavoratrici percettori di un sostegno e in cerca, tra tanti sacrifici, di una occupazione”. 

“È necessario – conclude Coviello – aprire una riflessione ed affrontare seriamente la questione del reddito di cittadinanza: ratio, finalità e modalità di erogazione e sono sempre attuali le parole di Giorgia Meloni, non è da Paese civile destinare ad un trentenne disoccupato fino a 780 euro al mese, mentre in caso di invalidità è riconosciuta una pensione di 270 euro e pertanto Fratelli d’Italia torna a chiedere l’abolizione di questa misura a vantaggio di mirate politiche di sostegno destinate ad una platea di reali beneficiari con stringenti controlli e periodiche verifiche della sussistenza dei requisiti”.


  • Articolo correlato:

Percepiscono il Reddito di Cittadinanza senza averne diritto. 197 persone denunciate nel Potentino

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano