Sono molto preoccupata per la direzione che sta assumendo il Recovery Plan e chiedo al Governo di potenziare gli interventi di mobilità, infrastrutture e innovazione per il Sud”. Così la deputata del MoVimento 5 Stelle, Virginia Villani lancia il suo appello al Governo.

La Svimez – spiega – nei giorni scorsi ha messo in luce alcuni dati preoccupanti per il Mezzogiorno, sollecitando interventi più robusti per le aree disagiate d’Italia. Secondo il report dell’Associazione per lo Sviluppo dell’Industria nel Mezzogiorno, destinando i fondi del Next Generation EU al Meridione per il 50%, il prodotto interno lordo del Sud avrebbe un incremento dell’11,6%, a fronte di una crescita occupazionale di 500mila posti di lavoro, con grandi benefici per l’intera economia nazionale. Il Mezzogiorno avrebbe teoricamente diritto al 65% di Next Generation Eu stando al criterio di ripartizione usato dagli altri Stati membri”.

Sembra evidente quindi che il Recovery plan rappresenti l’ultima possibilità per risollevare l’Italia, ma il Piano di rilancio secondo Svimez presenta gravi distorsioni soprattutto in materia di collegamenti ferroviari, porti e logistica. Vi sarebbero per il Sud solo opere di miglioramento, mentre si stanno concentrando le più cospicue risorse e gli investimenti più innovativi nel Centro-Nord. Eppure sappiamo bene come per il Meridione siano urgenti gli investimenti nei servizi essenziali, fra i quali le infrastrutture della mobilità. Dobbiamo scongiurare l’errore fatto negli anni 60 quando l’Italia fu fatta crescere a due velocità” conclude l’on.Villani.

L’auspicio è che il Governo “sappia raccogliere in tempi rapidi questo suggerimento e aiuti il Sud Italia ad acquisire maggiore dignità e le risorse necessarie per far ripartire l’intero Paese”.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*