Un gasdotto progettato da SNAM Rete Gas S.p.a, che interesserebbe, tra le altre zone, il Golfo di Policastro e in parte il Vallo di Diano. Questo il tema di un incontro preliminare, tenutosi di recente e che ha visto presenti, oltre alla società, il Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni e la Soprintendenza BAP di Salerno ed Avellino.

Il progetto, denominato “Iniziativa Sealine Tirrenica”, è relativo, nello specifico, alla costruzione di un metanodotto che, partendo dalla Sicilia, con tragitto sottomarino arriverebbe alla foce del fiume Bussento, nel territorio a confine tra Policastro e Scario, per risalire, poi, a Montesano sulla Marcellana. Il piano prevede anche la realizzazione di una centrale di decompressione che dovrebbe esser realizzata a Policastro.

L’obiettivo principale dell’ente Parco e della Soprintendenza, a tal riguardo, è di mitigare il più possibile l’impatto ambientale del piano, anche attraverso la pianificazione di appositi sopralluoghi da effettuare sui luoghi interessati. Il progetto, che interesserà l’area contigua al Parco, ha ottenuto la V.I.A. del Ministero e rientra nelle politiche nazionali di “liberazione” dal monopolio del gas sovietico

– Cono D’Elia –


 

Commenti chiusi