Un anno di matrimonio e poi le accuse da parte della moglie di violenza sessuale e maltrattamenti.

Un 56enne di Pollica, processato, è risultato colpevole soltanto di maltrattamenti nei confronti della moglie, la quale era accusata a sua volta di aver sfruttato l’uomo per ottenere la cittadinanza italiana.

La giovane, allontanatasi dal marito considerato violento, da Pollica si è trasferita a Sarno, dove vive tuttora. Lì il 56enne l’ha raggiunta nelle scorse sere minacciandola di notte, nonostante il divieto di avvicinamento disposto dal giudice.

Per aver reiterato il reato, il gip del Tribunale di Vallo della Lucania ha disposto l’arresto dell’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano