Di nuovo a rischio chiusura i Punti Nascita di Polla e Sapri dopo le affermazioni del Presidente della Regione Campania che, durante l’inaugurazione del reparto di Cardiologia dell’ospedale di Eboli, ha dichiarato che il Governo è intenzionato a chiudere i Punti Nascita che registrano meno di 400 parti all’anno, sbarramento che non è stato superato né dall’ospedale di Polla né da quello di Sapri.

Sul tema interviene il Movimento Nazionale – La Rete dei Patrioti che, in una nota a firma dei Dirigenti salernitani Ivano Manno e Valerio Arenare, ha dichiarato che “l’importanza di un Punto Nascita non si stabilisce con un calcolo numerico. La chiusura dei due presidi creerebbe grandissime difficoltà a tutti gli abitanti dei paesi del Vallo di Diano, Golfo di Policastro e parte del Cilento, costretti a fare centinaia di chilometri o, addirittura, andare fuori regione per partorire. Senza contare i tanti interventi di soccorso urgente, che hanno più volte salvato dalle conseguenze più gravi i neonati e le loro mamme“.

La sanità nel Salernitano è già stata smantellata negli anni da scelte scellerate dei politici nazionali, regionali e locali, un ulteriore impoverimento – continuano i dirigenti di Movimento Nazionale – renderebbe ancor più difficile la vita in queste aree. Bisogna difendere a tutti i costi la sanità campana. Se il rischio dovesse persistere, siamo pronti a scendere in piazza e fare tutto ciò che è possibile per salvaguardare i diritti dei cittadini della nostra provincia“.

  • Articolo correlato:

6/5/2022 – De Luca inaugura la Cardiologia all’ospedale di Eboli e lancia l’allarme sui Punti Nascita a rischio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.