Resta ancora avvolta nel mistero la morte di Francesco Telesca, il 18enne di Potenza ritrovato agonizzante nella notte del 23 marzo in città e poi deceduto tre mesi e mezzo più tardi.

Questa mattina della sua misteriosa morte si è occupato il programma “Storie Italiane” su Rai 1, condotto da Eleonora Daniele. Un collegamento in diretta con Potenza, dov’era presente il giornalista Maurizio Licordari, che si è recato a Montereale, in prossimità dell’abitazione di Francesco e sui luoghi dove il giovane venne ritrovato ferito in gravissime condizioni. In studio la cugina e la zia di Francesco.

La Procura di Potenza, all’indomani dell’accaduto, ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, ma al momento senza indagati. “Chiediamo giustizia – ha detto la zia di Francesco in studio -, non si può perdere un figlio così senza conoscere i motivi. Sono passati quattro mesi dalla sua morte e non sappiamo nulla. Le indagini sono in corso, ci sono molti punti da chiarire, tanti dubbi. Speriamo si faccia luce“.

Anche la comunità studentesca e i potentini, in due occasioni, hanno chiesto verità e giustizia per Francesco, prima con una manifestazione in città lo scorso 25 settembre e poi il 2 ottobre con una fiaccolata. A quanto pare, anche come sottolineato dal caporedattore della Gazzetta del Mezzogiorno, Massimo Brancati in collegamento da Potenza, le ferite non risultavano essere compatibili con quelle di una caduta dal quarto piano, come qualcuno ha ipotizzato.

Subito dopo i primi soccorsi, Francesco subì un intervento al cervello a causa delle ferite riportate, riportò anche fratture al femore e del bacino. La famiglia chiede verità e giustizia, e che si faccia luce anche sul lasso di tempo trascorso da quando è stato lasciato dagli amici che stavano rientrando a quando è stato ritrovato agonizzante.

– Claudio Buono –


  • Articolo correlato

25/09/2019 – Trovato agonizzante a Potenza e morto dopo 3 mesi. Gli studenti chiedono giustizia per Francesco Telesca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*