Un fiume di festosa popolazione ha affollato, ieri sera, le vie e i rioni pollesi in occasione del tradizionale corteo del 12 giugno che celebra “Sant’Antuniello” e che precede la celebrazione dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio. Un rito, in cui sacro e profano si mescolano, a cui il paese è particolarmente affezionato. Una piccola statua del Santo di Padova viene portata in processione, a spalla, dai devoti. In ogni quartiere un falò viene acceso in onore di “Ndunduccio”. Si mangia e si beve, aspettando l’arrivo del corteo.

Quest’anno, inoltre, a fare da cornice all’evento i “Percorsi Digitali” promossi dall’associazione Vallo di Diano. Un’iniziativa nata per valorizzare il patrimonio artistico, culturale e popolare del territorio, basata sulla condivisione in rete.

 

– Annachiara Di Flora –



 


 

Commenti chiusi