Un ennesimo atto vandalico è stato perpetrato ai danni della Statua dell’Italia, situata nel Parco della Rimembranza di Polla. I vandali, questa volta, hanno ben pensato di “rifare il make up” alla sfortunata scultura, datata 1927, contornandole le labbra di rosso.

Il monumento, già privo di entrambi gli arti, risulta anche imbrattato, come già più volte accaduto, da una serie di scritte, delle più disparate. Intanto su Facebook la polemica monta. La vicenda fa indignare i cittadini pollesi, “abituati” a vedere la Statua  in queste condizioni. Nonostante le continue ripitturazioni, difatti, gli incresciosi episodi puntualmente si ripetono. Polla, in questo caso, è il piccolissimo spaccato di un’Italia che non smentisce un’amara regola: la mancanza di senso civico unita al disamore nei confronti  delle ricchezze artistico-culturali, che la caratterizzano in lungo e in largo ma che pure sono spesso bistrattate.

Sarebbe bello, ogni tanto, che chi possiede tutto questo tempo libero, lo adoperasse per rifare sul serio il look alla statua, ripulendola, anzicchè sfregiarla. Risulterebbe essere questo il vero gesto in controtendenza.

– Annachiara Di Flora –


 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano