Sono molto giovani e denutriti i 20 ragazzi giunti dall’Eritrea a Polla in cerca di un Paese che li accolga. Sono arrivati nella tarda serata di ieri  e al momento sono ospitati all’interno della struttura dell’ex distretto sanitario del comune pollese, dove una società di mediazione culturale di Salerno provvede per la loro assistenza.

Dei 20 arrivati ieri, 8 nella notte si sono allontanati dalla struttura facendo perdere le loro tracce. Le loro storie sono come quelle di tanti migranti che giungono sulle nostre coste, impauriti e chiaramente spaesati e che a stento abbozzano un sorriso. Non parlano italiano, per loro è stato chiamato Brema, un mediatore culturale giunto dal Mali in Italia circa 4 anni fa e che oggi prova a stabilire un contatto tra la loro cultura e la nostra, parlando italiano, inglese e arabo.

Questa mattina, sul posto, presente la questura di Salerno, insieme ai carabinieri della Stazione di Polla,  al fine di avviare il normale iter di verifica utile all’assegnazione dello status di rifugiato politico. Gli immigrati saranno temporaneamente alloggiati a Polla in attesa che vengano espletate le pratiche e successivamente destinati ad altri luoghi.

– Tania Tamburro –


 


3 Commenti

  1. A QUESTE PERSONE SI DA IL LAVORO, IL SUSSIDIO DI 1300 € AL MESE………. E A NOI ITALIANI???? NOI POSSIAMO MORIRE DI FAME.
    MA CI VOGLIAMO RENDERE CONTO CHE NOI SIAMO STRANIERI NELLA NOSTRA TERRA E LORO SONO I CITTADINI IN ITALIA, MA LI VOGLIAMO MANDARE VIA ??? NON SONO RAZZISTA MA CI STO DIVENTANDO PERCHÉ LORO HANNO TANTISSIMI PRIVILEGI E NOI??????
    FUORI DALL’ITALIA MO BASTA SI STA ESAGERANDO TROPPO.
    FUORIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII

    • Cara nicolina ..se ti può esser di conforto ti posso dire che sabato scorso a Milano eravamo più di 100000 persone di ogni parte d Italia a manifestare contro questa invasione..e credimi che anche qui nel ricco Nord non li sopportano più….

  2. Ci si dimentica troppo in fretta della storia…vizio anzi malvizio di noi italiani…i nostri giovani a spasso o costretti a emigrare..i nostri vecchi…magari ammalati a cui non basta la pensione per pagare l ospizio .i nostri piccoli imprenditori attanagliati dai debiti che per dignità si Suicidano…ma noi niente…sempre i soliti buonisti da quattro soldi….che ci aggrappiamo alla carita’ umana verso l extracomunitario(sempre se non e a casa nostra ..a mangiare e dormire con noi …naturalmente)…lasciandoci alle spalle il paesano ….perche o ” nun tene voglia ri fatia”…o perché”ma li figli addu su?”…o perché.. “picchi’ nun ha pinzatu quannu stia buono?”…..ma quali razzisti signori….siamo super razzisti…purtroppo….verso noi stessi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*