Il Sindacato Azzurro, rappresentato da Vincenzo Guidotti, ha presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Lagonegro per conto dei lavoratori ex Consorzio di Bacino Salerno 3 ed ora dipendenti della Ergon Spa, società che si occupa della raccolta e smaltimento dei rifiuti in diversi comuni del Vallo di Diano.

Il sindacato nell’esposto denuncia una serie di presunte violazioni di legge che hanno coinvolto, come vittime, i lavoratori e tra queste in particolare il passaggio dei dipendenti del Consorzio di Bacino alle dipendenze della Ergon “senza aver mai – si legge nell’esposto – sottoscritto con essa alcun contratto”e la violazione di quanto sancito dalla Legge 26/2010 da parte della Ergon spa che “sottraeva al Consorzio centro sportivo meridionale SA3 – si legge ancora nell’esposto – le attività di gestione del ciclo che invece dovevano restare in capo al Consorzio”.

Guidotti nell’esposto ipotizza anche una truffa ai danni dell’INPS perchè “arbitrariamente la Ergon S.p.a. – si legge ancora nella denuncia – pur avendo acquisito tutto l’Ente pubblico SA3 per soli 35 mila euro richiedeva procedimento di cassa integrazione nei confronti dei soli dipendenti traslati salvaguardando invece i dipendenti assunti dalla sola Ergon S.p.a costituendo di fatto una truffa ai danni dell’Inps e quindi dell’erario in quanto per tali  lavoratori (dipendenti di pubblico impiego) non è prevista la cassa integrazione ed inoltre non avendogli riportato l’anzianità di servizio risultano essere ultimi assunti e quindi soccombenti rispetto ad una graduatoria generale”.

Il Sindacato Azzurro – FAILA ha inoltre richiesto al Presidente della Provincia di Salerno l’immediata sostituzione del commissario liquidatore attualmente in carica ed alla Regione Campania la sospensione di ogni procedura di cassa integrazione.

– Erminio Cioffi –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*