Il sindaco di Polla, Rocco Giuliano, ha firmato un’ordinanza di sgombero indirizzata  ai  campeggi abusivi di roulottes, campers e similari nel territorio comunale, su aree pubbliche e private. Il provvedimento arriva dopo le segnalazioni di alcuni cittadini che avevano denunciato più volte le cattive condizioni in cui versa località “Campeglia”, al confine tra Polla, Atena e Sant’Arsenio. La zona, ricadente nel comune pollese,  era divenuta da qualche tempo sede di accampamento di comunità Rom, che lasciavano sistematicamente l’area in condizioni igienico – sanitarie fortemente degradate. Da qui l’ordinanza. “Considerato che la sosta con caravan, roulottes, e similari costituisce un potenziale pericolo per la salute pubblica si legge nel testo datato 18 agosto –  non solo per la mancanza di aree attrezzate dotate di servizi essenziali, ma anche per la conformazione di quelle aree urbane incompatibili con la residenza (…) si dispone il divieto permanente di sosta su tutto il suolo comunale”.

“Umanamente rappresenta un dispiacere dover ordinare l’allontanamento di una comunità dal territorio pollese. – ha dichiarato Giuliano – Tuttavia, le condizioni igienico-sanitarie precarie in cui queste persone erano abituate a vivere non lasciano spazio ad alternative. Oltretutto sembra che alcuni membri della comunità in questione avessero anche messo a segno dei furti in supermercati della zona. Ciò ci ha costretto ad emettere questo provvedimento”.

Intanto su Facebook la polemica divampa. Dal gruppo “Vigiliamo sul comune di Sant’Arsenio” alcuni cittadini non ci stanno: il degrado lasciato dai nomadi in località “Campeglia” è massimo. Rifiuti di ogni genere restano abbandonati nei pressi della fontana pubblica, utilizzata da chi pratica jogging o da chi si ferma per una sosta. “Chi è che deve vigilare in questi casi? ,” “Dove sono i vigili urbani?”, si chiede qualcuno. Se l’ordinanza di Rocco Giuliano ha ottenuto l’allontanamento della comunità nomade dalla zona, chi provvederà alla bonifica dei luoghi?

– Annachiara Di Flora – 


 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*