A pochi giorni dalla presentazione del nuovo Piano sanitario approvato dalla Regione Campania che prevede, tra i vari punti, 4000 nuove assunzioni dopo 10 anni, un piano di edilizia sanitaria per 170 milioni di euro, l’abolizione del ticket regionale, un accordo biennale con le cliniche private e misure per favorire aperture di studi medici e odontoiatrici, interviene il presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Asl Salerno, Sergio Annunziata, richiamando l’attenzione soprattutto sull’ospedale “Luigi Curto” di Polla e la sanità vadianese.

Nel nuovo piano sanitario approvato dalla Regione Campania e dal Presidente De Luca – spiega Annunziata – il Vallo di Diano non solo conserva il numero di posti letto e servizi, ma viene anche salvaguardato in alcuni punti e servizi importantissimi come la deroga del punto nascite, il servizio di oncologia ambulatoriale, il ripristino del servizio di psichiatria con 6 posti a Polla, l’UCCP a Sant’ Arsenio con 700mila euro di investimento oltre alla rete emergenza e ai servizi territoriali del Distretto, all’arrivo di medici, infermieri e OSS, anche se ne servono ancora altri, e all’espletamento di concorsi per i primari“.

Per il presidente della Conferenza dei Sindaci dell’Asl “questo è frutto del lavoro del territorio che ha avuto ascolto, insieme al Direttore Generale che ringrazio, presso il governatore De Luca che mi ha sempre garantito, sin dal primo incontro, attenzione per la sanità del Vallo di Diano nonostante i nostri numeri e la situazione economica non brillante. Con questo atto oggi conferma i fatti, inoltre con la nuova ripartizione che concerne l’edilizia sanitaria Polla e Sant’Arsenio, avendo i progetti, saranno inseriti nei finanziamenti, così come per le nuove assunzioni di personale avremo ulteriori unità lavorative come da richiesta di carenza presentata dall’Asl Salerno“.

In merito al “Curto” Annunziata, inoltre, riferisce:”Insieme all’architetto Pilerci, tecnico dell’Asl, siamo stati a Polla per controllare i nuovi locali dove sarà sistemata la nuova Tac“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

20/1/2018 – Sanità in Campania. De Luca annuncia nuovi posti letto, 4000 assunzioni e il riordino dell’emergenza

3 Commenti

  1. Pasquale lombardi says:

    Campagna elettorale

  2. Annuziata è come Renzii non più sindaco doveva lasciare la politica invece è sempre tra le pal..

  3. lavoratore in nero says:

    Il presidente della conferenza dei sindaci dovrebbe essere indipendente e fare una valutazione negli interessi della ASL; invece come spesso accade (volutamente con leggi) abbiamo uno dello stesso partito di De luca e che magari ha con lo stesso svariati interessi (soldi, petrolio,occupazione di posti,raccomandazioni, ecc.ecc.) che ci viene a dire che la sanità (tutela della salute) nel vallo di diano è migliorata. Io penso che bisogna ripartire da zero con nuove leggi e senza queste persone, anche se sarà difficile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*