La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno, al termine di un primo piano di controlli, ha individuato 75 cittadini del capoluogo che hanno illegittimamente percepito i buoni spesa per l’acquisto di generi di prima necessità durante il precedente lockdown.

L’intervento di protezione sociale rientra tra le misure di sostegno varate dal Governo per contenere gli effetti negativi della pandemia. Nello specifico circa 800mila euro sono stati destinati al Comune di Salerno che ha avuto il delicato compito di distribuirli alle famiglie più bisognose in base ai requisiti reddituali e patrimoniali fissati nel bando.

Dopo un preliminare esame delle domande, il Comune ha riconosciuto il beneficio ad oltre 3mila nuclei familiari assegnando a ciascuno dei capofamiglia due buoni dal valore di 50 euro più uno per ogni congiunto a carico. Tutte le richieste accolte sono state poi passate ai Finanzieri della Compagnia di Salerno che, sulla base di una preventiva analisi di rischio, hanno selezionato circa 300 posizioni sulle quali si sono concentrati i successivi approfondimenti e riscontri. Le Fiamme Gialle di Salerno hanno così individuato 75 istanze presentate con dati incompleti o non rispondenti al vero per un ammontare complessivo che supera i 21 mila euro.

Le irregolarità emerse si riferiscono soprattutto a situazioni in cui il beneficio è stato concesso più volte allo stesso nucleo familiare per effetto di richieste avanzate da più di un componente (emblematico il caso di una famiglia che ha ottenuto 32 buoni spesa sulla scorta di domande distintamente presentate da addirittura quattro dei sette membri, ognuno dei quali ha in questo modo intascato 400 euro). In altri casi, i richiedenti hanno omesso di dichiarare le ulteriori forme di sussidio comunque percepite (ad esempio, il reddito di cittadinanza o la cassa integrazione in deroga). Neppure sono mancati, infine, coloro che hanno ridimensionato il proprio nucleo familiare non facendo risultare chi guadagnava un regolare stipendio o già beneficiava di specifiche indennità (come quella di invalidità). C’è pure chi ha attestato che il figlio era disoccupato quando invece gestiva un’attività di ristorazione ben avviata in città.

Numerosi quindi gli espedienti adottati da quanti, pur di ottenere i buoni spesa, non hanno esitato a dichiarare il falso senza considerare che, laddove i fondi fossero risultati insufficienti, rischiavano di rimanere escluse dal sussidio tante famiglie in effettive condizioni di difficoltà.

Le irregolarità accertate sono state intanto segnalate al Comune di Salerno per l’immediata restituzione degli importi indebitamente percepiti. Alcuni dei trasgressori hanno nel frattempo definito la propria posizione pagando in aggiunta una sanzione pecuniaria pari all’ammontare dei buoni ricevuti senza averne titolo.

Negli altri casi, trascorsi inutilmente 60 giorni dall’accertamento delle irregolarità, sarà interessata la Prefettura di Salerno competente all’irrogazione della sanzione amministrativa, questa volta nella misura più grave del triplo dello stesso valore di partenza dei buoni spesa.

– Claudia Monaco –

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano