Si è tenuta stamattina, nell’aula consiliare della Certosa di San Lorenzo a Padula, la presentazione del Preliminare di Strategia Area Interna Vallo di Diano. Un appuntamento di notevole importanza dopo il percorso di attuazione della Strategia Nazionale delle Aree Interne promosso dalla Comunità Montana Vallo di Diano.

Agricoltura, cultura ed ambiente: un trinomio che supportato strategicamente dal turismo, dà vita alla “Città Montana della Biodiversità“, ossia un’area rurale con produzioni tipiche e stili di vita sani tra tradizione ed innovazione dove un ruolo fondamentale viene svolto dalle nuove generazioni. Una strategia atta a migliorare i servizi e la qualità della vita e che rappresenta un’opportunità di rilancio per il territorio.

Dopo i saluti di Paolo Imparato, sindaco di Padula, il Presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta, ha provveduto ad illustrare le linee guida del progetto.










Oggi – le parole di Accetta – decidiamo da che parte stare, dando una vocazione al nostro territorio, diversa dalle recenti richieste di aggressioni ambientali giunte negli ultimi anni. Sono 20 anni che le multinazionali petrolifere provano ad entrare nel Vallo come sono 20 anni che la cicogna bianca fa ritorno nel Vallo, a simboleggiare la bellezza del territorio“.

Presenti sindaci e consiglieri del Vallo, unitamente ai Dirigenti Scolastici, Tommaso Pellegrino, Presidente del Parco Nazionale Cilento,Vallo di Diano ed Alburni e all’Assessore regionale delegato al Turismo, Corrado Matera.

Finalmente si parla di territorio – ha dichiarato Pellegrino – mi complimento con il team della Comunità Montana per aver messo insieme tutte le peculiarità del territorio. La sfida è ora valorizzare e trasformare queste nostre potenzialità“.

Bisogna assolutamente superare la frammentazione che è stata la debolezza del Vallo di Diano negli ultimi trent’anni. Per questo motivo esprimo compiacimento per l’iniziativa della Comunità Montana –  ha concluso l’assessore Corrado Matera – La Regione Campania è impegnata nel costruire una strategia per la valorizzazione del turismo che toccherà anche la Certosa di Padula insieme alle due Certose di Napoli e Capri”. 

– Claudia Monaco – 

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/ondanews.it/videos/796617740515944/” width=”650″ height=”450″ onlyvideo=”1″]


 


Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*