Il sindaco Paolo Imparato replica al comunicato stampa del Codacons, che denuncia lo stallo dei lavori di riqualificazione dell’area circostante la Certosa di San Lorenzo a Padula e sulla SP 180, fermi dalla primavera del 2012.

“Tante sono le problematiche relative ai lavori in questione, come quella degli espropri dei privati – ha dichiarato il sindaco – Inoltre, nel corso dell’opera, l’Amministrazione comunale ha inteso apportare una variante per utilizzare l’ulteriore 7% per opere complementari, così come previsto per legge. Abbiamo, quindi, approvato una delibera di giunta per mettere in atto l’azione e l’ufficio tecnico ha poi dovuto rimodulare il progetto. La variante prevede il prolungamento della pista ciclabile fino al viale Certosa, precisamente fino al parcheggio della Certosa, rendendola così maggiormente fruibile. Nella variante, inoltre, è prevista la risistemazione del viale che porta alla Fontana dei Merli, proprio nei pressi della Certosa, perchè anche lì sono presenti diversi disagi: gli alberi, con le loro radici, stanno alzando il marciapiede, che, tra l’altro, risulta molto scomodo e le persone preferiscono addirittura non utilizzarlo”.

“La variante – ha continuato – migliora il progetto iniziale con degli interventi importanti. Voglio ricordare le parole che proprio ieri ha pronunciato il Ministro Padoan: la burocrazia sta facendo fallire le imprese. Questa è la verità: per l’approvazione di questa variante, abbiamo avuto bisogno dell’ulteriore autorizzazione della Soprintendenza. Il progetto relativo alla variante è stato portato a Napoli il 13 maggio 2014, poi c’è stata una richiesta di integrazione da parte della Regione con delle precisazioni da parte del RUP (Responsabile Unico del Procedimento). I lavori stanno comunque proseguendo, anche nei dintorni del campo sportivo. Telecom ed Enel, purtroppo, non ci danno risposte immediate per lo spostamento dei pali e questo rallenta i lavori, che dovranno comunque essere consegnati entro il 30 giugno 2015″.

“Per quanto riguarda la presenza delle erbacce nelle strade comunali – ha concluso Imparato – stiamo provvedendo alla pulizia grazie ad un appalto con una ditta di Auletta e con mezzi della Comunità Montana. Il Codacons dovrebbe scrivere anche alla Provincia, perchè sono le strade provinciali ad essere trascurate per mancanza di fondi e a presentare erbacce. Sono assolutamente necessari interventi che migliorino anche il manto stradale per evitare incidenti stradali”.

– Filomena Chiappardo –


  •  Articolo correlato

23/06/2014 – Padula: Codacons denuncia:“Lavori di riqualificazione dell’area vicina alla Certosa fermi dal 2012”


 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano