Giovanni Cancellaro replica alla lettera dei consiglieri di minoranza Tepedino, Fortunati e Rienzo, che hanno chiesto le dimissioni dalla carica di membro della Commissione elettorale.

Non mi dimetto ha dichiarato – Mi è stato chiesto solo qualche ora prima di non partecipare ai lavori della Commisione, senza alcun motivo. Avremmo potuto lavorare di comune accordo: bastava comunicare con me alla notifica della convocazione, avvenuta sei giorni prima. Ho assolto ad un compito legittimato in Consiglio, che prevede la piena autonomia anche in caso di variazioni di gruppi consiliari. Invito i consiglieri di minoranza ad essere maggiormente presenti con proposte costruttive, rispettando così tutti coloro che li hanno votati, invece di continuare ad inviare lettere velenose”.

“Sono assolutamente disponibileha concluso – a confrontarmi con loro nella prossima occasione, agendo ovviamente con il dovuto anticipo”.

– Filomena Chiappardo –


 

  •  Articolo correlato

06/05/2014 – Padula: I consiglieri Tepedino, Fortunati e Rienzo chiedono le dimissioni di Cancellaro dalla carica di membro della Commissione Elettorale


 

Commenti chiusi