Ha preso il via ieri sera, nel caratteristico borgo S. Eligio a Padula, l’ottava edizione della “Festa della patata rossa di montagna”, organizzata dall‘Hotel Villa Cosilinum e dal Ristorante Porticum Herculis, in collaborazione con la macelleria Petrizzo, il Bar Joe Petrosino ed i residenti del borgo.

Un grande inizio per la tre giorni che si tiene nel cuore del centro storico di Padula, che rappresenta un’occasione unica per degustare piatti prelibati a base di patata rossa di montagna, coltivata sul Monte Romito, a 1100 metri di altezza: raviolo di patata rossa del Romito con porcini e salsiccia, una novità pensata dallo chef Luciano Petrizzo, gnocchetto di patate con sugo e provola affumicata, fagioli e patate con la polvere, patatine fritte, spezzatino di cinghiale con patate, piadina con patate, friarielli e sbriciolata di salsiccia, panino con salsiccia e patate, gateau di patate e zeppole, il tutto accompagnato da ottimo vino di produzione del ristorante Porticum Herculis.

La manifestazione, patrocinata dalla Città di Padula e realizzata con il sostegno della BCC Monte Pruno, vuole rappresentare non solo un’iniziativa di valorizzazione di un importante prodotto tipico locale, ma anche un’occasione per la nascita di nuove iniziative imprenditoriali, nell’ambito del nuovo programma di finanziamenti della Banca dedicato ai giovani di età non superiore ai 35 anni che intendono investire nel settore dell’agricoltura.

Soddisfazione è stata espressa da Alfeo Davide Cancellaro, che gestisce l’Hotel Villa Cosilinum, per la buona riuscita della prima serata: la festa continuerà questa sera e domani, con la musica della “Vecchia Volpe Show”.

E’ disponibile, nei giorni della manifestazione, un servizio navetta dal parcheggio della Certosa di San Lorenzo che accompagnerà a pochi metri dal borgo, un’occasione per visitare le bellezze del centro storico padulese.

Alfeo Davide Cancellaro, l’intero staff, i residenti del borgo Sant’Eligio danno appuntamento a questa sera e domani sera nel centro storico di Padula per degustare ottimi piatti a base di patata rossa di montagna, in un clima di allegria, all’insegna della valorizzazione di un rinomato prodotto tipico locale.

– Filomena Chiappardo –


Un commento

  1. Francesco Vergati says:

    Buon appetito a tutti e buon divertimento!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.