7 thoughts on “Padula: 19enne senegalese perde le staffe e rompe il vetro della porta dell’Ufficio postale

  1. Non dò assolutamente ragione al ragazzo per il gesto fatto, che deve essere punito, però devo dire che è capitato diverse volte di andare a prelevare, di giorno, sia all’esterno che contemporaneamente all’interno di trovare “fuori uso” i postamat all’ufficio postale di Polla. Ho fatto le mie rimostranze all’impiegato del momento che mi ha guardato anche con un’ aria incazzata per aver fatto le mie rimostranze. O c’è sotto altro???

  2. Magari far ripagare il danno all’associazione che ne ha la responsabilità, così si responsabilizzano di più; troppo bello a prendersi solo gli onori ( soldi e plausi ) e non anche gli oneri.

    Che poi i migranti non siano gli unici a fare “vandalismo” è un dato di fatto, come lo è il fatto che questa gente viene da paesi dove “culturalmente” è in uso utilizzare la violenza come metodo di protesta e di soluzione ai problemi. Proprio perché I comportamenti impropri e violenti non devono avere sperequazione di trattamento non si devono sempre trovare argomentazioni buoniste o mettere di mezzo la parola razzista, come fanno in molti, quando si tratta di fatti come questo o ben più gravi che riguardano i migranti o altri che provengono da culture diverse dalla nostra che è sicuramente meno incline alla violenza. Non può e non deve essere una attenuante/scusa anche perché si creano dei precedenti pericolosi che alimentano ancora di più atteggiamenti delinquenziali e di conseguenza l’insofferenza prima e la rabbia poi dei cittadini.

  3. Non è il primo,nè sarà l’unico episodio di violenza gratuita al quale assisteremo,da parte di un immigrato. Non vengono mai condannati oppure espulsi dall’Italia,chi lo sa perché?
    Chi pagherà i danni? Dove è ospitato questo ragazzo?In un centro d’accoglienza presumo. Allora vogliamo sapere dai responsabili di questo centro,cosa sanno di questo ragazzo. Se ne sentono tante ogni giorno…

  4. Penso che sia solo l’inizio, purtroppo quando si persegue esclusivamente l’interesse economico!

  5. Per danneggiamento di una proprietà e interruzione di un pubblico servizio hanno solo calmato ed allontanato il ragazzo?
    Tutto qui…ormai non li portano nemmeno in caserma per accertamenti,non dico per un fermo o altro?
    E allora siamo allo sbando più totale,non ci sta altro da aggiungere.

  6. Se fosse stato un qualsiasi ragazzo italiano, si sarebbe provveduto a calmarlo? O piuttosto si sarebbe provveduto a denunciarlo! Assurdo

  7. Questi sono i risultati di un sistema malato in cui le organizzazioni pseudo umanitarie (dalla condotta che non mi pento di definire mafiosa) pur di ottenere contributi e generare ricchezza ospitano chiunque senza prima aver ottenuto informazioni nè sullo stato di salute e nè su un’eventuale “fedina penale” degli ospiti. Ospitare i rifugiati non vuol dire stiparne svariati in case che diventano magazzini di uomi soltanto per ingrassarsi le tasche, ma far entrare nella propria società queste persone se e solo se si è assolutamente sicuri di poter garantire un inserimento nella società e allo stesso tempo garantire che le nostre tradizioni e i nostri valori non vengano distorti.

Comments are closed.