Meglio tardi che mai. Dopo circa 15 anni dall’entrata in vigore dell’Euro in Italia al posto della Lira, l’amministrazione comunale di Padula, con una delibera di giunta dello scorso 24 giugno, ha deliberato la conversione alla Lira all’Euro delle tariffe dei diritti sulle pubbliche affissioni.

Le tariffe risalgono a 20 anni fa, ossia al 1994 quando furono approvate da una delibera di giunta. La delibera di conversione fa riferimento ad un decreto legislativo del 1998 relativo alle disposizioni per l’introduzione dell’Euro nel territorio nazionale ed alla conversione delle tariffe in lire.

Il tariffario prevede per le commissioni di almeno 50 fogli fino cm 70 x 100 i seguenti costi: Manifesti costituiti da meno di 8 fogli per i primi 10 giorni 1,03 Euro e 0,31 Euro per ogni periodo successivo di 5 giorni; Manifesti costituiti da 8 fino a 12 fogli, 1,55 Euro per i primi 10 giorni e 0,46 Euro per ogni periodo successivo di 5 giorni; Manifesti costituiti da più di 12 fogli, 2,06 Euro per i primi 10 giorni e 0,62 Euro per ogni periodo successivo di 5 giorni. Queste invece le tariffe per le Commissioni fino a 50 fogli cm 70 x 100: Manifesti costituiti da meno di 8 fogli per i primi 10 giorni 1,55 Euro e 0,46 Euro per ogni periodo successivo di 5 giorni; Manifesti costituiti da 8 fino a 12 fogli, 2,06 Euro per i primi 10 giorni e 0,62 Euro per ogni periodo successivo di 5 giorni; Manifesti costituiti da più di 12 fogli, 2,58 Euro per i primi 10 giorni e 0,77 Euro per ogni periodo successivo di 5 giorni.

– Erminio Cioffi –


Commenti chiusi