Da oggi l’ospedale San Pio da Pietrelcina di Villa d’Agri si arricchisce di una nuova specialistica che si incardina nel già attivo reparto di Pediatria: la chirurgia ortopedica in età pediatrica ed evolutiva che sarà seguita dalla dottoressa Iannelli e dalla sua équipe, con il supporto del dottor Promenzio.

L’iniziativa che prova a potenziare i servizi sanitari di base già presenti presso il nosocomio valdagrino consegna al nostro ospedale una visione che va ben oltre l’attuale offerta sanitaria e che guarda al futuro della nostra area e si candida a divenire ‘ospedale a misura di bambino’, e che si rivolge ai bambini del nostro territorio e ad un incoming sanitario dalle regioni limitrofe – dichiara il sindaco Marco ZipparriLa Val d’Agri e con essa Marsicovetere fa registrare dati di crescita e di andamento demografico esponenziale rispetto alla media nazionale e regionale, pertanto sono certo che questi segnali concreti ci proiettano verso un potenziamento del nostro ospedale, che da sempre è fiore all’occhiello della sanità lucana. Occorrono non solo risorse economiche ma è sulle risorse umane che bisognerà investire per ottimizzare la sanità del futuro. Il PNRR sarà il viatico di una riqualificata sanità”.

All’incontro hanno partecipato il Presidente della Regione Basilicata Vito Bardi, l’assessore regionale alla Salute Rocco Leone, il presidente del Consiglio regionale Carmine Cicala, il direttore generale dell’azienda ospedaliera San Carlo Giuseppe Spera, il Direttore medico presidio ospedaliero Villa d’Agri Mario La Rocca, direttore sanitario Angela Bellettieri e direttore amministrativo Eufrasia Pesarini.

La presenza mia e dell’assessore Leone oggi a Villa d’Agri sta a significare l’importanza che questo ospedale ha non solo per questa area territoriale, ma per l’intera nostra regione – dichiara il Presidente Bardi – Stiamo per uscire da una difficilissima fase pandemica che ha visto il grande e prezioso impegno del personale medico e sanitario di tutta la Basilicata. E, per quel che riguarda la campagna vaccinale, grazie all’impegno di tutti i cittadini lucani che con grande senso di responsabilità hanno accolto in modo massiccio il nostro appello a vaccinarsi con le prime e seconde dosi e ora con le terze dosi. Ma dobbiamo essere consapevoli che la pandemia ha fatto emergere le diverse criticità dei sistemi sanitari internazionali, nazionali e, a cascata, anche dei sistemi sanitari regionali che per troppo tempo hanno messo in primo piano, seppur legittimamente, gli equilibri di bilancio trascurando spesso la necessità di costruire un modello di assistenza e di cura in grado di rispondere ai bisogni sempre più complessi dei cittadini. Vogliamo invertire la rotta sapendo che è possibile tenere i conti in ordine e, al contempo, offrire prestazioni efficienti. Un polo ospedaliero che da oggi diventa un importante punto di riferimento per l’assistenza e la cura delle patologie in età pediatrica. Pur senza trascurare le attività ordinarie per tutte le fasce di età, oggi sperimentiamo un nuovo modello in grado di dare risposte di qualità ai bisogni di una speciale categoria come quella dei bambini. Ecco che l’ospedale di Villa D’Agri diventa a misura di bambino, adatto per offrire speciali prestazioni al mondo dei più piccoli”.

Come sottolineato, si è quindi proceduto ad implementare e sviluppare un modello organizzativo a rete aziendale integrata, volto ad offrire un’ampia gamma di discipline nel settore pediatrico: cardiologia, chirurgia, endocrinologia, oculistica, ortopedia, otorinolaringoiatria e urologia.

Per l’assessore Leone “questo presidio si muove nella direzione di offrire ai bambini un servizio di assistenza e cura di grandissima qualità con l’obiettivo anche di attirare utenza da fuori regione. Tant’è che i prossimi tre interventi di ortopedia pediatrica a Villa d’Agri saranno in favore di bambini che provengono da tre regioni differenti. Ci stiamo muovendo nella direzione giusta e continueremo a raggiungere altri importanti traguardi per migliorare passo dopo passo la sanità lucana”.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano