L’assenza dell’ospedale “Luigi Curto” di Polla dagli stanziamenti decisi da un decreto commissariale della Regione Campania con cui sono stati finanziati per 169 milioni di euro interventi di ristrutturazione e ammodernamento tecnologico negli ospedali campani ha sollevato una serie di reazioni tra cui quella del sindaco di Polla Rocco Giuliano che si è definito indignato per quanto deciso da Vincenzo De Luca, commissario ad acta per attuare il Piano di rientro dal disavanzo della Sanità regionale.

Proprio oggi Sergio Annunziata, presidente della Conferenza dei Sindaci dell’ASL Salerno, ha incontrato il Direttore Generale dell’ASL salernitana Antonio Giordano e il consigliere regionale Franco Picarone in merito a quanto emerso in seguito alla notizia della ripartizione dei fondi regionali. “L’assenza dell’ospedale di Polla dalla ripartizione – precisa Annunziata – è dovuta alla carenza dei progetti esecutivi, ma questo era noto già nel mese di gennaio scorso. In passato e già all’era di Bortoletti, io stesso premevo affinchè si realizzassero i progetti anche attraverso l’Ufficio Tecnico Comunale per cercare di sopperire ad eventuali mancanze. E’ inutile in questo momento sparare a zero e fare della strumentalizzazione politica. Proprio chi ha preceduto Vincenzo De Luca ha pensato ai progetti di altre zone della provincia, non curandosi dell’ospedale di Polla. Oggi si cerca di rimediare ai danni e si discute di finanziamenti soltanto scritti nel libro dei sogni dagli amici di Giuliano. Basta chiacchiere e polemiche strumentali e, invece di fare ricorsi al TAR, pensiamo a lavorare coesi per il territorio e non solo per spiccioli piaceri nel campo sanitario“.

L’incontro tra Annunziata, Giordano e Picarone, supportato da un contatto con il consigliere del Presidente De Luca, Enrico Coscioni, è stato proficuo. “Oggi l’ospedale di Polla necessita di una modernizzazione delle sale operatorie, – spiega il presidente della Conferenza dei Sindaci – bisogna soprattutto rifare le torri operatorie. Ho chiesto a Giordano un impegno in tal senso utilizzando i fondi interni dell’azienda. Impegno che è stato assunto tempestivamente, così come subito si sono preoccupati della situazione e hanno chiesto questo incontro per confermare la massima attenzione nei confronti del ‘Curto’“.

Annunziata precisa inoltre di aver spinto comunque per rendere esecutivo al più presto il progetto che riguarda il presidio ospedaliero valdianese e aggiunge:”Il PD deve restare vigile. Dev’esserci una rimodulazione delle risorse, ciò che De Luca ha messo su carta deve ora essere applicato ripartendo proprio dagli ospedali di Polla e di Sapri“.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

14/12/2017 – La Regione Campania finanzia gli ospedali ma esclude il “Curto” di Polla. Giuliano:”Sono indignato”

2 Commenti

  1. Per troppi anni questo territorio è stato governato da incapace ormai nessuno potrà più salvare l’ospedale di Polla

  2. Giustizia e liberta' says:

    Si pensa solo di andare andare alla Leopolda per farsi i selfie invece di protestare contro il nostro abbandono. Bravi confermate la vostra incapacità a governare e a farci rispettare.

Rispondi a Giustizia e liberta' Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*