ospedale polla evidenza 5Il plesso ospedaliero di Polla – Sant’Arsenio verrà dotato di nuovi servizi, ma ne perderà altri. Questo è quanto emerge dall’atto aziendale dell’ASL Salerno, pubblicato nei giorni scorsi.

Iniziamo dalle note dolenti che riguardano in particolar modo la struttura di Sant’Arsenio che, stando a quanto riportato nel documento, perde il Ser.T. e il Servizio di Psichiatria Diagnosi e Cura. Il Ser.T. (Servizio per le tossicodipendenze) cambierà nome e si chiamerà Ser.D. (Servizio per le dipendenze) e sarà attivo a Vallo della Lucania – Agropoli, Salerno, Battipaglia e Cava dei Tirreni – Nocera Inferiore. Per quanto riguarda invece i servizi di psichiatria, questi saranno attivi a Nocera, Vallo della Lucania e Salerno. Nel caso di Polla – Sant’Arsenio, invece, saranno disponibili, a Polla, 8 posti letto con funzione di “One Night Hospital” che avranno una funzione di supporto della rete psichiatrica.

La Pneumologia ed il Centro Trasfusionale sono state invece declassate ad Unità Operative Semplici. All’ospedale di Polla sono stati assegnati 212 posti letto, dato estremamente negativo se confrontato a quello del 2010 quando erano 248. L’ospedale si arricchisce dell’ambulatorio di oncologia e diventa SPOKE nella rete per l’ictus cerebrale e per l’emergenza cardiologica e SPOKE I nelle emergenze pediatriche.

“I cittadini possono stare sereni – ha dichiarato il sindaco di Polla Rocco Giulianoil “Curto” avrà 10 Unità Operative Complesse e 10 Unità Operative Semplici. Presso il presidio di Sant’Arsenio, indicato quale Ospedale di Comunità, per la prima volta ci sarà un’ Unità Operativa di Recupero e Riabilitazione con 20 posti letto per la riabilitazione fisiatrica. Grazie alla sinergia tra sindaci, sindacati e operatori sanitari posso dire con orgoglio che il nostro Ospedale rimane il terzo presidio della provincia di Salerno”.

– Erminio Cioffi –


polla-posti-letto-atto-aziendale-2016

2 Commenti

  1. Dott. Luigi Pandolfo says:

    Sereni……di una prossima chiusura…..

  2. antonio mea says:

    Serenissimi siamo come siamo stati sereni con la ferrovia, spero che abbiate sempre voi bisogno dell’ospedale cari politici.

Rispondi a antonio mea Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano