Un intervento eccezionale è quello che il reparto di Cardiologia del “Curto” di Polla diretto dal dottore Silvio Saponara, ha effettuato su un 33enne indiano, che vive a Sassano, risultato positivo al Covid-19.

L’uomo è arrivato nei giorni scorsi a Polla con una forte dispnea ma inizialmente è risultato negativo al tampone molecolare per la ricerca da Covid-19. In seguito, trasferito all’Unità di Terapia Intensiva Cardiologica, le sue condizioni sono peggiorate con una trombosi femorale che ha portato ad una embolia polmonare.

Qui, i sanitari del nosocomio pollese, come raccontato dallo stesso dottore Saponara, sono intervenuti con la trombolisi, “un trattamento farmacologico che scioglie i trombi quando è in corso un infarto o un ictus e che migliora il flusso sanguigno”.

Subito dopo questo trattamento le condizioni del 33enne sono migliorate ma continuava, tuttavia, a presentare sintomi come tosse, febbre e dispnea. Da qui, la scelta di sottoporlo ad un altro tampone, processato presso il laboratorio di Salerno, che ha dato esito positivo al Coronavirus.

Parliamo di un’embolia polmonare da Covid-19 – ha spiegato il dottore Saponara – senza questo intervento tempestivo sarebbe probabilmente morto. L’esito negativo e i sintomi non chiari inizialmente non hanno riportato al virus. Probabilmente ha sviluppato il Covid direttamente con l’embolia. Abbiamo poi proceduto nel somministrare l’eparina e la sua terapia continua tuttora”.

Il paziente ora sta bene ed è ricoverato nel reparto Covid.

L’Utic funziona benissimo ed è aperta a tutti– ha concluso – e questo nostro intervento lo dimostra. In ospedale sono tutti tutelati”.

– Claudia Monaco –

 

Un commento

  1. Davide Orlando says:

    Complimenti a tutto il reparto di cardiologia, queste sono le notizie che vogliamo ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.