Alla luce del D.L. n. 133/2014 detto ”Sblocca Italia” (e in particolar modo l’art. 38), che mira ad estromettere le Amministrazioni locali da ogni potere decisionale circa le autorizzazioni in materia di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi, gli attivisti del Movimento 5 Stelle Tanagro e Alto-Medio Sele organizzano per domenica 9 novembre un incontro-dibattito presso l’Auditorium Provinciale al centro di Oliveto Citra.

Dalle ore 16.30 interverranno il Senatore Andrea Cioffi, l’Onorevole Angelo Tofalo, il professor Franco Ortolani, Ordinario di Geologia presso l’Università Federico II di Napoli, Giovanni Caggiano, Presidente Comunità Montana Tanagro Alto e Medio Sele. Introdurrà i lavori, moderati da Enrico Farina, l’ingegnere Antonio Curcio.

“L’incontro – si legge nel comunicato stampa del Movimento 5 Stelle Tanagro e Alto-Medio Sele – nasce per denunciare i danni che le trivellazioni potrebbero arrecare ai nostri territori, sia direttamente che indirettamente interessati dalle esplorazioni petrolifere. Territorio in cui le colture biologiche, le produzioni agricole e casearie sono le uniche risorse economiche per gran parte degli abitanti e rappresentano un vanto per l’intera Regione Campania”.

“Questo incontro – continua il comunicato – fa parte di una serie di manifestazioni già svolte, in cui si è voluta evidenziare la gravità del Decreto che mette a repentaglio l’intera economia di un’area che va dal Tanagro al Sele, passando per le Grotte di Pertosa e dalla filiera termale di Montesano sulla Marcellana e di Contursi”.

“In contemporanea a questo evento – termina il comunicato stampa – verrà presentata una petizione popolare, le cui firme saranno consegnate, per tramite dei parlamentari M5S, al Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, al fine di sollecitare il Governo a recedere da quanto previsto dal Decreto (in special modo l’art.38) perché fondato su presupposti di incostituzionalità”.

– redazione – 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*