Il piccolo Kevin continua la sua battaglia, come un vero e proprio guerriero. Della sua vicenda abbiamo parlato mesi fa quando, assieme ai nostri lettori, abbiamo aderito alla raccolta fondi per raggiungere la cifra necessaria ad eseguire una serie di operazioni per scongiurare l’amputazione della gambina. Kevin, infatti, è nato con una malformazione alla gamba destra accompagnata da un piedino gravemente torto: l’unica soluzione è una struttura che si trova in Florida, il Paley Orthopedic & Spine Institute.

Il 2 giugno Kevin ha subito un intervento per la creazione della rotula e la modifica del fissatore al fine di girare gradualmente il piedino. Ieri una nuova operazione, durata circa 4 ore. A tenerci aggiornati è Zamira, la mamma del piccolo Kevin: “L’intervento è andato benissimo, hanno fatto la fusione della caviglia e hanno raddrizzato il piedino a 90 gradi, la gamba è perfettamente dritta”.

E’ una donna forte e tenace Zamira e ci rende partecipi costantemente dei progressi che fa Kevin: “Ha ancora il fissatore che gli permette di non poggiare il peso corporeo sulla gamba, dopodiché inizierà a fare fisioterapia per piegare il ginocchio e ad imparare a camminare in modo corretto. Il fissatore lo terrà fino a metà novembre per poi rimuoverlo con un altro intervento. Successivamente avrà un gesso per circa tre settimane: dopo potrà camminare con un tutore per non far portare il peso corporeo alla gamba e avrà una scarpa rialzata perché il suo piedino è di 5 cm più corto rispetto all’altra gamba. Si farà la fisioterapia per un mese e poi finalmente torneremo a casa”.

Kevin avrà bisogno di tre allungamenti del perone: il primo verrà fatto a distanza di un anno e mezzo, poi dopo 4/5 anni e l’altro entro i 18 anni d’età.

“La strada è ancora lunga – ci spiega Zamira – ma non impossibile. Tutto questo è molto costoso, abbiamo ancora bisogno di ognuno di voi per poter portare a termine il cammino di Kevin. Ringrazio di cuore ogni singola persona, i comitati, le piccole associazioni, Matteo Viviani e tutti voi giornalisti che ci hanno sostenuto e continueranno a sostenerci. Pian piano il sogno di Kevin sta diventando realtà e potrà camminare come tutti i bambini di questo mondo. Un abbraccio da parte nostra”.

Per chi vuole effettuare una donazione:

COMITATO REALIZZIAMO IL DESIDERIO DI KEVIN – Iban IT38L0306909606100000168356

 PayPal: sadiku.zamira@yahoo.it

oppure gofund.me digitando realizziamo il desiderio di Kevin

 Per poter seguire i progressi di Kevin è possibile andare sulla pagina Facebook “Realizziamo il desiderio di Kevin”


  • Articoli correlati:

Il piccolo Kevin è stato operato alla gamba. La mamma:“Grazie per l’aiuto, ora inizia un lungo percorso”

Raccolta fondi per aiutare il piccolo Kevin a camminare. Intervista a Matteo Viviani, in prima linea per realizzare il suo sogno

2 Commenti

  1. NinnaNonna2018 says:

    Cara mamma Zamira, sono contenta, dal più profondo del cuore, di vedere i miglioramenti di Kevin. Ma ti prego, non dire più “…così potrà camminare come tutti i bambini di questo mondo..” … ci sono tanti bimbi che non possono camminare, come il mio nipotino, e che nonostante gli sforzi, l’impegno, la fisioterapia a tre anni non sa cosa sia un salto, un passo fatto con le manine libere, senza la costrizione dell’appoggio al deambulatore… e forse non lo potrà mai sapere.
    Quindi, per favore, io capisco il tuo entusiasmo e prego di poter presto vedere un video di Kevin che corre in un prato, ma tu non dimenticare che non per tutti i bimbi del mondo la vita va così. Grazie e buona fortuna

    • Hai ragione purtroppo non tutti hanno la fortuna di trovare associazione che li aiuti ad affrontare interventi all estero x migliorare ..credo che tt siano uguali e dovrebbero avere stesso trattamento tt i bimbi dovrebbe pensarci il ns governo ad affrontare spese all estero x questi piccoli
      La medicina i medici che sono in America non si possono confrontare con i ns anche x le strutture la bravura e le attrezzature….ci saranno anche in Italia bravi medici capaci ma vanno all estero xchè in Italia non hanno futuro…e chi ha più fortuna viene curato chi meno resta con i suoi problemi ….un augurio

Rispondi a Mary Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.