Supreme, il camper per i servizi ai migranti, viene accolto con gioia nella Piana del Sele. Tra le novità dei servizi offerti anche la registrazione sulla piattaforma regionale per prenotare la vaccinazione al fine di contrastare il Covid-19. Sempre più servizi rivolti a lavoratori e famiglie che hanno difficoltà, per problemi di comunicazione linguistica o mobilità, a recepire informazioni utili e adeguate per collaborare nella lotta contro il virus. Si effettuano test rapidi per verificare la diffusione del Covid, si distribuiscono kit per l’igiene, mascherine e si effettuano visite mediche.

Le prime diffidenze sono ormai completamente superate e il camper Supreme con gli operatori specializzati a bordo è diventato un punto di riferimento sostanziale che affianca in maniera egregia gli Enti pubblici che erogano gli stessi servizi. Dalla litoranea tra Eboli e Battipaglia alle zona interne, passando per la Moschea, il camper opera con l’obiettivo di controllare lo stato di salute della popolazione migrante ma anche con l’intento di sensibilizzare una fetta di popolazione ancora non realmente informata sulle cause e sugli effetti del virus.

Siamo estremamente orgogliosi di poter contribuire, con il nostro lavoro, alla tutela delle fasce più deboli della popolazione del nostro territorio – spiega Ibrahim Diop, referente territoriale del progetto -. Quando vedono il camper passare, ci salutano con la mano, sorridendo e spesso ci chiedono di sostare per avere qualche informazione. Oltre che sul Covid, sono interessati anche a conoscere i servizi sanitari che sono presenti sul territorio. Si avvicinano lavoratori, ma anche donne con i bambini. Spesso arrivano famiglie intere. Non abbiamo mai trovato resistenza per quanto riguarda i vaccini anzi, sono loro che ci chiedono aiuto nella registrazione sulla piattaforma regionale. Alcuni hanno paura di contagiarsi, altri hanno necessità di sottoporsi all’inoculazione per poter continuare a lavorare in sicurezza. Il nostro team è formato da personale medico e paramedico. Tutti formati per rispondere adeguatamente ai bisogni di questa fetta popolosa di cittadini che ormai sono ebolitani di adozione, ma ebolitani“.

Intensa è anche la collaborazione con il Centro di Seconda Accoglienza (Cas) Hotel Mary, tra Eboli e il Quadrivio di Campagna, uno dei pochissimi ancora pronti ad accogliere. Proprio qualche giorno fa, infatti, il team del camper Supreme ha fatto visita ai migranti della struttura che è gestita da Luca Giglio della Cooperativa sociale Ametista. Il team è composto, oltre che dal mediatore linguistico e culturale, Ibrahim Diop, anche dal medico Mario De Caro, dall’infermiere Nicola Pannetta, dall’Oss Alessandro Pannetta, dall’autista Orlando Santimone. Benché con competenze e ruoli diversi, il gruppo è affiatato e coopera con le realtà del territorio ottenendo risultati importanti nella prevenzione del contagio e, più in generale, nella tutela della salute della popolazione migrante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano