Ormai da qualche settimana quel lockdown che, secondo le parole del Presidente del Consiglio, non doveva tornare mai più è arrivato. Le chiusure si susseguono in tutta Italia e mettono a serio rischio la sopravvivenza del tessuto produttivo italiano, fatto in larghissima parte di piccoli artigiani, commercianti e negozi di prossimità“. A dichiararlo Vincenzo Baffa, Responsabile Regionale di Solidarietà Nazionale in Campania.

Gli aiuti e i ‘ristori’ sono ancora lontani dall’essere distribuiti – afferma – e, comunque, non saranno mai in grado di permettere la sopravvivenza dignitosa delle nostre realtà produttive, commerciali e di servizi che affronteranno uno dei periodi più intensi del loro lavoro, il Natale.

Le associazioni Solidarietà Nazionale ed Evita Peron hanno voluto dar vita a un’iniziativa di promozione e sostegno per tutte le piccole attività che non possono o non riescono ad avere accesso al pubblico con la facilità che hanno i principali siti commerciali, “vere multinazionali che sulle chiusure anti pandemia stanno facendo fortuna e terra bruciata dei concorrenti“. L’intenzione è quella di porre un freno, attraverso la mobilitazione della solidarietà degli italiani, all’impoverimento del tessuto produttivo, allo svuotamento dei centri storici e dei borghi, alla perdita del senso di identità e di comunità.

Lo faremo attraverso il ‘Buono acquisto Natale Italiano‘ che sarà distribuito presso le attività che vorranno aderire e che tutti noi potremo acquistare e regalare ai nostri cari coinvolgendoli così nel sostegno al commercio italiano – dichiara Baffa -. Il ‘Buono acquisto Natale Italiano’ è un gesto solidale nei confronti di librerie, ristoranti, parrucchieri, estetisti, teatri, cinema, artigiani, negozi di abbigliamento, palestre, negozi di musica, di articoli da regalo, agenzie di viaggio, agriturismi, aziende agricole, vitivinicole, enoteche e di tutte le attività che in questo periodo soffrono gli effetti delle chiusure che rischiano di ucciderle.

Il ‘Buono acquisto Natale Italiano’ – conclude Solidarietà Nazionale – è un gesto di rifiuto dell’ingiustizia che vede le piccole attività vessate da regole e tasse, chiuse per il lockdown, che subiscono la concorrenza sleale dei big del commercio online“.

– Paola Federico –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*