Un altro capitolo è stato scritto in queste ore sulla morte di Rosaria Lobascio, la studentessa 22enne deceduta all’ospedale “Curteri” di Mercato San Severino dopo le possibili complicazioni di un intervento di riduzione allo stomaco.

Oggi, su disposizione della Procura della Repubblica di Nocera Inferiore, è stata sequestrata una cartella clinica della 22enne all’ospedale “Luigi Curto” di Polla. La giovane, qualche giorno fa, si sarebbe recata anche al Pronto Soccorso del nosocomio pollese e poi ritirata dopo una breve permanenza. Si tratterebbe di un atto dovuto della Magistratura che, in queste ore, sta cercando di risalire a tutti i nomi dei medici che possano ricostruire il percorso della giovane fino al decesso a Mercato San Severino.

“Una ragazza di 22 anni è morta purtroppo – le parole del Direttore Sanitario Luigi Mandia e a Polla si registra un suo momentaneo passaggio. La Magistratura sta risalendo a tutti gli atti che serviranno a fare luce nella vicenda. Un atto dovuto in questo momento dove una famiglia ha il diritto di sapere le cose come sono andate”.

La salma della 22enne è attualmente a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa dell’autopsia che verrà effettuata nei prossimi giorni e che servirà a ricostruire le dinamiche del decesso.

– Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

9/06/2018 –Muore dopo l’intervento per ridurre lo stomaco e dimagrire. Dolore a Sala Consilina per Rosaria Lobascio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano