Prende ufficialmente il via oggi, per concludersi domenica 6 luglio,  l’edizione 2014 di AgriTangoRoots.

I due piccoli borghi dell’entroterra del golfo di Policastro, Morigerati e Sicilì, per il terzo anno consecutivo si tingono di rosso, avvolti dal calore del tango argentino. Il festival del tango,  che sarà aperto a tutti, richiama professionisti e appassionati tangueros balleranno fino all’alba.  Per la terza edizione la formula è cambiata. Non solo lezioni e milonghe ma anche escursioni e gite nei luoghi più suggestivi del territorio a sud del Cilento. L’organizzazione, quest’anno, è stata affidata all’associazione GTango, con il patrocinio del Comune di Morigerati.

L’evento si propone di unire la passione per la musica e la danza con la scoperta delle risorse naturali, culturali ed enogastronomiche dei territori rurali, in un simbolico abbraccio con gli abitanti dei luoghi visitati.

“La manifestazione – spiegano dall’ l’organizzazione – nasce con lo spirito di riportare questa meravigliosa danza nelle campagne del Sud Italia, cioè nei luoghi dai quali proveniva una parte consistente degli emigranti che, nella Buenos Aires di fine ‘800, inventarono sia il genere musicale che il ballo”. Le lezioni saranno tenute dai maestri Alberto Bersini e Paola Pinessi, Gianpiero Galdi e Natalia Cristofaro e Peppe di Gennaro e Adelma Rago.

“Abbiamo ricevuto già più di cento adesioni da tutta Italia”, ha detto il sindaco di Morigerati, Cono D’Elia, che da anni porta avanti progetti di sviluppo turistico sostenibile”. Per ulteriori informazioni è possibile consultare la pagina facebook.

– redazione –


 

Commenti chiusi