È stato condannato a 1 anno e 8 mesi per maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti della compagna, un 31enne rumeno residente ad Arenabianca di Montesano sulla Marcellana che lo scorso ottobre fu arrestato dai Carabinieri.

L’udienza conclusiva del rito abbreviato si è svolta presso il Tribunale di Lagonegro. L’imputato era difeso dall’avvocato Luigi Di Giuseppe mentre la donna, una 28enne rumena, dall’avvocato Elisabetta Giordano.

Il GUP, il dottore Ennio Trivelli, ha in conclusione del procedimento stabilito la pena a 1 anno e 8 mesi mentre il pm aveva chiesto che l’imputato venisse condannato a 4 anni di reclusione. Dalla difesa era invece giunta richiesta di assoluzione.

L’uomo, operaio presso una ditta del Vallo di Diano, secondo la ricostruzione dei fatti, era spesso avvezzo ad usare violenza nei confronti della donna. Insieme da 11 anni, tre figli minorenni, i due vivevano una convivenza difficile litigando spesso anche per futili motivi.

Il rapporto degenera nel 2017 quando il 31enne, al culmine di un litigio, massacra di botte la compagna rendendo necessario l’intervento dei Carabinieri della Stazione di Buonabitacolo.

Violenze che spesso arrivavano quando il 31enne era in preda ai fumi dell’alcol e che, come riportato dalla donna, sarebbero state subite anche mentre era incinta. La relazione degenera la scorsa estate quando la donna si invaghisce di un’altra persona e capisce che è finita con il compagno.

Al culmine dell’ennesimo litigio lo scorso ottobre e dopo aver rifiutato un rapporto sessuale, la donna viene nuovamente pestata a sangue: tenta così, servendosi di un coltello con una lama di 30 centimetri, di minacciare il compagno di togliersi la vita. In quell’occasione, i Carabinieri della Stazione di Montesano evitano il peggio. Il 31enne tenta di disarmare la moglie ed entrambi restano feriti dalla lama. Scatta l’arresto seguito da un’ordinanza di allontanamento dalla casa familiare.

Dalla ricostruzione è emerso, inoltre, che l’uomo non ha mai usato violenza nei confronti dei tre figli minorenni. Il Giudice ha riconosciuto le attenuanti generiche prevalenti sulle aggravanti.

La difesa del 31enne ha annunciato che farà ricorso alla Corte d’Appello.

 – Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

21/10/2019 – Aggredisce la compagna con un coltello alla presenza del figlio. Arrestato 31enne a Montesano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*