Gli agenti del Comando Stazione Forestale di Montesano sulla Marcellana, durante servizi finalizzati al controllo dell’attività venatoria, in località Piana di Magorno, su segnalazione dell’E.N.P.A. (Ente Nazionale Protezione Animali) Servizio Guardie Zoofile del Nucleo Provinciale di Salerno, hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria un cacciatore del posto, di 40 anni, per aver abbattuto due rari esemplari di specie Pispola (Anthus pratensis), avifauna compresa tra le specie particolarmente protette e nei cui confronti la caccia non è consentita.

La Forestale ha effettuato il sequestro della selvaggina abbattuta illegalmente, di 32 munizioni a piombo spezzato e di un fucile da caccia ad anima liscia, calibro 12, che per espressa previsione normativa saranno sottoposti a confisca definitiva in caso di condanna.

Nei confronti del cacciatore è stata predisposta comunicazione alla Questura di Salerno per la sospensione della licenza di porto di fucile ad uso caccia, prevista nei casi di violazione alle norme contestate. Inoltre gli è stato ritirato il tesserino per l’esercizio venatorio.

Per il reato di abbattimento di fauna particolarmente protetta, oltre alla confisca dell’arma, al ritiro del tesserino venatorio e del porto d’armi, il trasgressore rischia l’arresto fino a 8 mesi e una sanzione pecuniaria fino a 2064 euro.

– redazione – 


 

2 Commenti

  1. Mario Senatore says:

    Non sono d’accordo per il “rischio” arresto. Io passerei subito all’arresto. Sono ancora più d’accordo con Pasquale; ci vuole un necessario rapporto tra le due vicende: almeno 1 a 100.
    Mario

  2. Complimenti ITALIA : due passeri uccisi = rischio arresto fino a 8 mesi.

    4 ragazzi morti = vitto e alloggio gratis.

    VERGOGNIAMOCI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*