Con una nota indirizzata all’Amministrazione comunale di Montesano sulla Marcellana, alla Provincia, al Genio Civile di Salerno e a tutti gli Enti competenti, l’ingegnere Antonio Pisano chiede provvedimenti per la S.R. 276, ex. S.S. 276, e per la S.P.103

Nella notte del 24 novembre 2019 si è verificato lo scivolamento di un grosso masso che nel suo percorso ha danneggiato sia la S.R. 276, ex. S.S. 276, che collega Montesano alla frazione Magorno per poi proseguire in Basilicata passando per Tramutola, che la S.P. 103, ex. S.S. 103, che collega Montesano con Moliterno e l’area Sud-Est della Basilicata e che per fortuna non ha causato danni alle persone perché in quell’istante non c’erano veicoli che transitavano nelle due arterie – scrive Pisano – L’8 dicembre 2019 è stata riaperta la sola S.P. 103, anche se per la parte in cui è caduto il masso è stato in minima parte ripristinato un po’ il manto stradale, mentre tutte le opere di protezione e sistemazione definitive non sono state ancora realizzate. A protezione della strada attualmente sono installate solo delle barriere new jersey di calcestruzzo. Il Decreto Dirigenziale numero 7/2020 del Commissario delegato agli eventi meteorologici 2019 ha approvato il finanziamento per la messa in sicurezza definitiva del costone e il ripristino del piano viario sui luoghi di Magorno interessati dalla frana. La somma finanziata ammontava a 210.000 euro e la Regione Campania, ottenuta l’approvazione sull’intervento l’8 settembre 2020 dal Capo Dipartimento nazionale della Protezione Civile, ha demandato quale stazione appaltante alla Provincia di Salerno, proprietaria delle due strade interessate dall’evento. Tale somma era di prosieguo rispetto alla somma già erogata di ripristino delle condizioni minime eseguite all’epoca”.

Per il tratto interessato dall’evento è consentito il transito ai soli residenti, con autorizzazione del sindaco mentre a tutti gli altri è impedito il tragitto. “Considerate le incombenze che sono costretti a subire tutti coloro che devono percorrere il tragitto Montesano-Tramutola (per aumento del percorso di 7-8 km e anche perché il percorso alternativo per Tardiano-Stritto- Vernazzo presenta tratti in condizioni fatiscenti, perché sono presenti diverse buche) e anche che la Provincia di Salerno, ad esclusione del breve tratto al confine con la Basilicata, da diversi anni ormai non fa interventi di manutenzione sulla S.R. 276, ad esclusione dei lavori di sfalciamento delle cunette, che in genere sono stati fatti sempre in ritardo  – prosegue Pisano –  la S.R. 276 (ad esclusione dell’ultimo tratto al confine con la Basilicata) versa in condizioni pessime infatti all’inizio di Magorno il ponte Tavernazzo è da anni in uno stato di grave pericolo, in quanto è in atto il cedimento di parte del terreno. Sempre in località Magorno all’inizio e alla fine di una curva sono in atto ai bordi della carreggiata due movimenti franosi molto pericolosi, l’intero manto stradale del tratto di strada è del tutto precario, in quanto non viene rifatto da quando la strada era di competenza dell’ANAS,  in alcuni punti la strada è avvallata con evidente pericolo per chi la percorre e i guardrail hanno subito cedimenti, alcuni si trovano quasi al livello della strada e perciò non rispondenti alla funzione preposta di proteggere la strada”.

Pisano chiede di eseguire tutti i lavori indispensabili per ripristinare il transito nel tratto di strada interessato dalla frana in tempi brevi “perché è incomprensibile che dopo due anni non sia stato ripristinato il transito della S.R. 276, con ingenti danni a tutti coloro che sono impediti ad utilizzare l’arteria, costretti ad allungare di molto il percorso” e di sistemare l’area del tratto della S.P. 103, interessata anch’essa dalla frana del 24 novembre 2019 e ancora non ripristinata in modo definitivo e consentire il transito in piena sicurezza.

Alla Provincia chiede anche di realizzare il risanamento dei dissesti del Ponte Tavernazzo e a Magorno, prima che si verifichino incidenti, di segnalare in modo adeguato lo stato di pericolo delle parti interessate e di procedere con urgenza al rifacimento del manto stradale con adeguamento dei guardrail e delle barriere di protezione sull’intero tratto di S.R. 276 nel territorio di Montesano in quanto “versano in uno stato veramente vergognoso”. Suggerisce all’Amministrazione di rimuovere quanto prima nel tratto della S.R. 276 interessato dall’evento franoso il divieto di transito ai non autorizzati e consentire a tutti di poter usufruire dell’importante arteria stradale, prevedendo però un limite di velocità nella parte di strada attualmente dissestata.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano