Minacce durante e dopo il Consiglio comunale del 27 luglio 2020 al vicesindaco Antonio Russo. Questa l’accusa che la Procura della Repubblica di Potenza ha mosso nei confronti di Carmine Grande, ex sindaco di Vietri di Potenza e attuale consigliere di minoranza, e Carmine Passannante, anche lui vietrese. Entrambi dovranno rispondere del reato punibile ai sensi dell’articolo 612 del Codice Penale dopo che gli è stato notificato il decreto di citazione a giudizio davanti al Giudice di Pace, a conclusione delle indagini portate avanti dalla Procura del capoluogo.

Vedrai che fine farai, non ti preoccupare, tempo al tempo tutto arriva”, “Non ti preoccupare, poi ci vediamo, ti faccio vedere io“. Sono queste le frasi proferite rispettivamente dall’ex sindaco Grande e da Passannante, 46enne vietrese candidato consigliere comunale non eletto nella lista “Leali per Vietri”, capeggiata da Grande nella tornata elettorale del 2012.

La persona offesa è Antonio Russo, attuale vicesindaco di Vietri di Potenza, che ha denunciato ai Carabinieri quanto accaduto già il giorno dopo il Consiglio comunale. Come si legge testualmente sul decreto di citazione a giudizio, Carmine Grande “minacciava di un danno ingiusto Antonio Russo, proferendo al suo indirizzo, più volte durante l’intera seduta, parole del tipo ‘Vedrai che fine farai, non ti preoccupare, tempo al tempo, tutto arriva’ e rivolgendogli anche l’invito, con chiaro fare minatorio, a parlarne a quattr’occhi“. Passannante, secondo la Procura di Potenza, “durante le medesime circostanze di tempo e di luogo, al termine della seduta consiliare, attendeva il Russo Antonio nei pressi della sala comunale e, guardandolo fisso negli occhi, pronunciava al suo indirizzo parole del tipo ‘Non ti preoccupare, poi ci vediamo, ti faccio vedere io’”.

Il decreto di citazione a giudizio porta la firma dal vice procuratore onorario della Repubblica di Potenza, Giovanni Cappiello. Durante la fase di indagine i Carabinieri hanno sentito sia Russo che alcuni testimoni. Il magistrato delegato al Coordinamento degli Uffici del Giudice di Pace ha disposto la comparizione di Grande e Passannante per il prossimo 21 dicembre davanti al Giudice.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano