https://farm4.staticflickr.com/3948/15555823915_20b58f60a3_o.jpgSi è tenuto ieri pomeriggio, in Prefettura a Salerno, un tavolo tecnico specifico sulle problematiche inerenti la situazione di pericolo sul territorio di Sassano relativa alla manutenzione della vasca Cappuccini, uno dei punti maggiormente a rischio di esondazione del fiume Tanagro.

Un incontro tra le Istituzioni richiesto dal Sindaco di Sassano, Tommaso Pellegrino e convocato dal Prefetto di Salerno Gerarda Maria Pantalone. Alla riunione, presieduta dal Dirigente dell’area V (Protezione civile, difesa civile e coordinamento del soccorso pubblico) e Vice-Prefetto il dottore Roberto Amantea, erano presenti, tra gli altri, i rappresentanti del Comune di Sassano con il Sindaco Tommaso Pellegrino, i rappresentanti del Consorzio di bonifica Vallo di Diano e Tanagro, con il presidente Giuseppe  Morello, i rappresentanti del Genio Civile Salerno – Regione Campania, l’ing. Laura Genise, il geom. Vittorio Bartoli ed il rappresentante dell’Autorità di Bacinoil dott. Massimo Verrone.

Durante l’incontro si è discusso sulle iniziative da intraprendere, con gli Enti preposti per risolvere quello che rappresenta un potenziale pericolo per la pubblica e privata incolumità, una problematica sollevata dal primo cittadino di Sassano : “C’è un centro abitato che è stato costruito in passato al di sotto dell’argine del fiume Tanagro, tale tratto per le condizioni in cui versa è fortemente a rischio  esondazione. Allo stato la manutenzione della “vasca ponte Cappuccini” è carente, non viene eseguita la pulizia dell’alveo, il pericolo per la pubblica incolumità è elevato considerato gli eventi precedenti e l’imminente arrivo della stagione invernale.

L’amministrazione comunale di Sassano, dà la piena disponibilità ad intervenire anche in modo diretto, previa l’autorizzazione degli Enti preposti. Quello che chiedo – ha concluso il Sindaco – è un percorso condiviso, per trovare insieme una soluzione in modo da eliminare il pericolo”.

L’area interessata è di proprietà demaniale – ha riferito il responsabile del Genio Civilein merito alla questione c’è un progetto a cura del Consorzio di bonifica Vallo di Diano e Tanagro con l’avallo del Comune di Sassano, che allo stato non è stato autorizzato. L’intervento di manutenzione ordinaria di pulizia della vasca prevede, previa progettazione, la quantificazione del materiale ricavato e la messa al bando per l’appalto”. I rappresentanti del Genio Civile hanno anche fatto sapere che il rilievo topografico della vasca è stato già eseguito ed i risultati saranno pronti a breve. “Occorre verificare – hanno concluso i rappresentanti  –  se è necessario acquisire i pareri degli Enti concorrenti”.

Al riguardo il dott. Amantea ha suggerito che la questione si può superare con una conferenza di servizi tra i suddetti Enti. “La vasca Cappuccini è classificata con massima pericolosità e rischio idrogeologico – ha affermato il referente dell’Autorità di bacino – l’intervento in questione è da considerarsi come  manutenzione ordinaria e per tanto non è necessario il parere dell’Autorità di bacino”.

L’incontro si è concluso con l’impegno del Genio Civile di assumersi l’onere dei lavori, compresi il progetto, che sono considerati di ordinaria manutenzione. Il referente del Genio Civile ha chiesto al dott. Pellegrino che il comune di Sassano si faccia carico di eventuali rifiuti solidi urbani che potrebbero rinvenirsi in fase di esecuzione dei lavori di manutenzione. Il primo cittadino, convenendo alla proposta fattagli, ha chiesto la celerità di esecuzione dell’intervento necessario in considerazione dell’imminente arrivo della stagione invernale.

Giovanna Quagliano


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*