Mario Polichetti, responsabile nazionale della Sanità per l’Udc, scrive al Presidente della Repubblica proponendo per medici e personale sanitario la medaglia ai Benemeriti della salute pubblica quando l’emergenza Coronavirus sarà terminata.

Sono un medico dell’ospedale ‘San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona’ di Salerno, nonché sindacalista per la Fials e responsabile nazionale del comparto sanitario per l’Udc – scrive Polichetti -. Apprezzo la sua vicinanza al Paese per i giorni difficili che stiamo vivendo per l’emergenza Covid-19. L’affetto testimoniato per le comunità più colpite mi ha commosso. Non mancano, da parte sua, nemmeno gli elogi ai tanti medici e al personale sanitario che in queste ore si sta prodigando per chi sta male. Ecco, proprio di questo vorrei parlarle. Serve un segnale forte, deciso. Perché tutto andrà bene, ma non dobbiamo dimenticare il servizio che queste persone stanno dando a tutti noi. Per questo, Presidente, c’è bisogno di un riconoscimento che vada oltre il mero aspetto economico. Per questo, Presidente, chiedo a Lei di avviare un censimento di tutti i medici dei reparti di Terapia intensiva degli ospedali italiani, oltre a un elenco di tutto il personale infermieristico e non che in questi giorni si impegnati su tutta la Penisola per fronteggiare il Covid-19. A loro, una volta terminata questa fase emergenziale, chiedo di conferire, valutando ogni singola posizione, una medaglia ai Benemeriti della salute pubblica“.

Si tratta di un’onorificenza attribuita a persone fisiche che si siano particolarmente distinte in occasione di gravi epidemie o gravi calamità o che abbiano effettuato importanti elargizioni. Avviene su proposta del Ministero della Salute e, conclude Polichetti, “spero che stavolta ci possa essere unità d’intenti sul fatto che il mondo della sanità italiana merita un riconoscimento davvero importante per questi giorni molto difficili. Mi auguro, Presidente, che la mia proposta possa essere valutata e non finire nel dimenticatoio. Se andrà tutto bene è merito di chi non si sta risparmiando in queste ore“.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*