La bufera di vento e acqua che la scorsa notte si è abbattuta sull’intera provincia di Salerno ha provocato notevoli danni anche nel Comune di Camerota.

Una forte mareggiata ha invaso completamente la Strada Regionale 562 depositando lungo la carreggiata pietrisco e detriti di diverso tipo.

Il tratto di strada interessato, che collega le note località turistiche di Camerota e Palinuro, è quello compreso tra Cala del Cefalo e la spiaggia del Mingardo dove a causa delle onde alte è crollato un pezzo di asfalto provocando una grossa voragine.

Per questo alcuni tratti della carreggiata sono stati transennati e interdetti al traffico veicolare ma non è stata disposta la completa chiusura dell’importante arteria.

Sul posto sono presenti dalla scorsa notte i volontari della locale Protezione Civile e della Pubblica Assistenza Cilento Emergenza, gli agenti della Polizia Municipale coordinati dal Comandante Giovanni Cammarano e i militari della Stazione dei Carabinieri di Marina di Camerota agli ordini del Maresciallo Francesco Carelli.

Presente sul posto anche il Sindaco Mario Salvatore Scarpitta che ha trascorso l’intera notte per le strade del comune a causa delle numerose segnalazioni.

Fortunatamente non si sono verificati danni alle persone grazie alla macchina dei soccorsi perfettamente organizzata in vista dell’ondata di maltempo preannunciata.

– Maria Emilia Cobucci –

Un commento

  1. Leopoldo Iannuzzi says:

    Ogni anno alle prime mareggiate si ripetono i danni sia alla spiaggia Cala del Cefalo che alla strada che viene riparata ripetendo sempre la stessa procedura con costi continui e disagi per la comunità e spostamenti veicolari. Proteggere questo tratto con dei frangiflutti sommersi potrebbe essere una soluzione definitiva che, tra l’altro, farebbe anche riformare parte dell’arenile perduto.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*