manifesto monte san giacomo maggioranza“Minoranza: consiglieri comunali…o consiglieri su Facebook?” E’  l’interrogativo che caratterizza il manifesto pubblico affisso per le vie di Monte San Giacomo, a firma del sindaco, Raffaele Accetta e del gruppo di maggioranza. Nel manifesto si legge che nell’ultimo consiglio comunale, dello scorso 26 agosto, la maggioranza ha registrato la condivisione dei consiglieri di minoranza presenti, Pietro Caporrino e Veronica Caporrino, riguardo le proposte deliberative all’ordine del giorno.

“Un segnale positivo – si legge  – in considerazione della delicatezza degli argomenti trattati, tra cui le tariffe delle imposte TARI, TASI e IMU. E’ stato dunque con rammarico e stupore che all’indomani si è appreso di una loro incomprensibile e diversa presa di posizione sul noto gruppo Facebook, unita ai soliti insulti nei nostri confronti. Il reale andamento dei lavori è stato stravolto dal racconto e dalle considerazioni fatte sul gruppo, che contraddicono la verità dei fatti, a volte con falsità.  Come il commento sul primo punto, l’approvazione del Regolamento IUC, che il consigliere Caporrino Pietro ha riferito essere stato rimandato. Un falso clamoroso!  L’argomento è stato votato e approvato all’unanimità, quindi anche con il voto favorevole del gruppo di minoranza. Erano forse distratti?”

“Sullo stesso social network – si legge ancora – si sono lamentati della mancanza di confronto. Eppure non è stata fatta verbalizzare nessuna proposta alternativa o contestazione. Dunque, quali sono le modalità e qual è il luogo in cui immaginano debba avvenire il confronto  invocato?Forse nei bar, sul Casale o su Facebook?”

Sparare sentenze approssimative su Facebook è molto più facile che argomentare in Consiglio e  per intervenire su argomenti specifici, occorre approfondire gli atti e avere conoscenza della materia trattata. Per il ruolo ricoperto dunque – termina il manifestoinvitiamo la minoranza ad una maggiore serietà e ad evitare mistificazioni e stravolgimenti della realtà, in quanto diffondere notizie false su atti ufficiali è grave. Diventa gravissimo se a farlo è chi ricopre un ruolo istituzionale”.

– Roccanna Giordano –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano