La Guardia di Finanza del Comando Provinciale di Salerno ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP presso il Tribunale di Salerno su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 9 indagati ritenuti appartenenti ad un’associazione dedita al contrabbando di sigarette provenienti dall’Est Europa.

Le indagini hanno consentito di ricostruire la spedizione di quattro container, per un totale di oltre 33 tonnellate di tabacchi lavorati esteri, che, a bordo di autoarticolati, hanno viaggiato dal Centro Italia, Bologna ed Ancona, fino a Battipaglia.

Ben definiti i ruoli dell’organizzazione. Alcuni curavano il viaggio, i contatti con fornitori ed acquirenti finali, altri, invece, avevano il compito di individuare locali chiusi e non visibili dall’esterno dove effettuare le operazioni di trasbordo del carico. L’organizzazione aveva una base operativa per lo stoccaggio degli ingenti quantitativi di tabacchi lavorati esteri presso un capannone di Battipaglia.

Un primo intervento delle Fiamme Gialle salernitane aveva portato, nel novembre del 2017, al sequestro di oltre 8 tonnellate di sigarette ed all’arresto dei quattro contrabbandieri intenti a sistemare la merce in un capannone dell’area industriale di Battipaglia. Le sigarette sequestrate avevano tutte il marchio “Regina”. Si tratta delle cosiddette “Cheap White”, prodotto a basso costo che, non essendo destinato al mercato nazionale, non riporta le avvertenze sui pericoli per la salute dei fumatori. Si trovano sulle bancarelle a prezzi variabili intorno ai 3 euro al pacchetto.

Due degli indagati, sprovvisti di mezzi di sostentamento, avevano anche chiesto e ottenuto il reddito di cittadinanza che è stato sospeso con l’esecuzione della misura cautelare.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*