C’è anche un ricercatore di Sassano tra i nuovi assunti dall’Università degli Studi della Basilicata. Si tratta dell’ingegnere Michele D’Amato che, come annunciato dall’Unibas, ha preso servizio nell’Ateneo lucano come ricercatore di tipo “B”.

D’Amato svolgerà la sua attività di ricerca in “Tecnica delle Costruzioni” nel Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo (Dicem). Insieme a lui è stata assunta anche Filomena Lelario, una ricercatrice in “Chimica Agraria, Genetica Agraria e Pedologia” nel Dipartimento di Scienze (Dis).

L’Università della Basilicata, in questo modo, ha completato il “Piano straordinario”, assumendo nell’ultimo anno, 18 ricercatori di tipo “A” e di tipo “B”. Il ricercatore a tempo determinato di tipo A (“RtdA junior”) ha un contratto di 3 anni rinnovabile fino a un massimo di 5, il ricercatore di tipo B (“RtdB senior”) ha un contratto che prevede il passaggio a professore associato in presenza di abilitazione nazionale. I ricercatori andranno a potenziare settori scientifico-disciplinari strategici per le attività di ricerca dell’Ateneo.

Si tratta – ha spiegato la Rettrice dell’Università della Basilicata, Aurelia Soledi un grande risultato che permette all’Unibas di crescere, ottenuto con molti sforzi da parte dell’Ateneo, anche in relazione ai finanziamenti statali, e si completa nonostante la pandemia in corso, che ha rallentato le procedure, ma non le ha fermate. Investire in ricerca, mai come in questo momento, è vitale per le Università, per le comunità di riferimento e per tutto il Paese, come abbiamo purtroppo visto in questi mesi. Il futuro, della Basilicata e dell’Italia, si fonda anche e soprattutto attraverso il livello d’istruzione universitaria dei suoi giovani che, conseguentemente, genera concrete opportunità lavorative e, complessivamente, rimette in moto un meccanismo virtuoso di crescita economica e sviluppo sociale basato sulla ricerca e sull’innovazione”.

– Chiara Di Miele –

Un commento

  1. Queste sono belle notizie. Onore a questo ragazzo del Vallo di Diano che si ferma al Sud.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*