Leggo con sconcerto le affermazioni della signora Moratti a sostegno di una distribuzione di vaccini legata al Pil delle diverse regioni. Si fa fatica a credere che si possa subordinare l’uguale diritto alla vita di tutti, a dati economici“.

Così Vincenzo De Luca si esprime in merito alle ultime dichiarazioni dell’assessore alla Sanità e Vicepresidente della Regione Lombardia, che ha richiesto una redistribuzione dei vaccini anti-Covid maggiore per le regioni con un’alta densità abitativa, con più mobilità, per quelle fortemente colpite dall’epidemia e che contribuiscono in modo significativo alla produzione del Pil.

Si direbbe che siamo a un passo dalla barbarie – afferma De Luca -. La signora Moratti è persona intelligente e civile. Mi auguro che voglia chiarire che si è trattato di un’affermazione non meditata, che non risponde alle sue convinzioni“.

– Chiara Di Miele –

5 Commenti

  1. Conosco la sig.ra Moratti e mai si sarebbe sognata di discriminare i cittadini in base al PIL. Credo fermamente che abbia voluto dire questo: La Lombardia, ad es., ha un movimento di persone in base alle fabbriche che producono; di conseguenza ci sono movimenti di persone operai, impiegati, etc. che ogni giorno intasano il traffico. Di conseguenza, stante La Lombardia, il Veneto in queste condizioni e, di conseguenza, con maggior numero di contagiati, sarebbe opportuno etc. etc.
    D’ ALTRONDE CHI USA LA RICHEZZA PER FARE DEL BENE NON PENSA DI DISCRIMINARE I CITTADINI, ANZI.

  2. Conosco la sig.ra Moratti e mai si sarebbe sognata di discriminare i cittadini in base al PIL. Credo fermamente che abbia voluto dire questo: La Lombardia, ad es., ha un movimento di persone in base alle fabbriche che producono; di conseguenza ci sono movimenti di persone operai, impiegati, etc. che ogni giorno intasano il traffico. Di conseguenza, stante La Lombardia, il Veneto in queste condizioni e, di conseguenza, con maggior numero di contagiati, sarebbe opportuno etc. etc.
    D’ ALTRONDE CHI USA LA RICHEZZA PER FARE DEL BENE NON DISCRIMINA I CITTADINI, ANZI.

  3. Massimo Lorenzi says:

    Ma perché costei si fa chiamare Moratti non assumendosi le responsabilita’ delle cose che fa e sostiene col proprio nome e cognome ovvero Letizia Maria Brichetto -Arnaboldi?

  4. Gent.sign.moratti, lei forse non ricorda che il diritto costituzionale alla salute appartiene a tutti i cittadini e non solo ai più ricchi, ai sensi dell-art 32 della costituzione.
    E’questa una legge che ha dimenticato,si chiama “la madre di tutte le leggi, e fu promulgata dal Presidente della repubblica provvisorio De Nicola nel lontano 27/12 /47.
    Forse lei era ferma alla previgente legislatura fascista!!! Qualcosa è intanto cambiata,le assicuro, e anche internet ci dà oggi la possibilità di chiederle di andarla a studiare, visto che e’ presidente di regione, o ,molto meglio, di dimettersi per la vergogna delle sue affermazioni.

  5. Questa è l’Italia in cui viviamo. Una Italia matrigna che da sempre, anche con il contributo di ascari come De Luca, vede sistematicamente il Mezzogiorno d’Italia discriminato e vessato da politiche e indirizzi Tosco/padani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*