Vincenzo Acito
Vincenzo Acito

Ci dissociamo fermamente dalle parole del Consigliere Michele Napoli, che raccontano una visione ‘personale’ e non il pensiero di una coalizione”. Così l’onorevole Michele Casino e il consigliere regionale Vincenzo Acito, di Forza Italia, commentano la vicenda relativa alle dichiarazioni del consigliere comunale di Potenza, in merito alla legge Zan su cui si è espresso il consiglio cittadino del capoluogo lucano.

Le libertà personali sono sacrosante, e garantite dalla Costituzione, e la legge italiana ha fatto negli anni dei percorsi che non sempre abbiamo condiviso, ma che riteniamo legittimi e sacrosanti, soprattutto quando consentono ai cittadini di poter vivere liberamente, serenamente e nel rispetto delle libertà e dei diritti di tutti – affermano Casino e Acito -. Osservare l’evoluzione della società civile e riuscire a coglierne i cambiamenti, farli rientrare nel novero di una ‘chiarezza normativa’, questo è il compito della Politica, sia nazionale che locale, e siamo fermamente impegnati nel voler continuare a garantire, con il nostro quotidiano operato, che ciascun cittadino venga tutelato, nel rispetto delle sue prerogative personali”.

Casino ed Acito ricordano, inoltre, che “la stessa Forza Italia ha in passato espresso un Ministro per le Pari Opportunità, l’onorevole Mara Carfagna, che in un’intervista al quotidiano ‘La Repubblica’, nel 2014 a seguito della sua nomina alla guida del dipartimento per le ‘Libertà civili e i diritti umani’ di Forza Italia, indicò come fosse possibile ‘immaginare di partecipare alla discussione sui temi etici, per riscrivere insieme le regole del gioco in virtù di una naturale evoluzione della sensibilità di un partito. Di omofobia ci eravamo del resto e già a lungo occupati durante il governo Berlusconi’”.

La destra Lucana e la stessa Forza Italia – proseguono i due esponenti politici – si schiereranno sempre a tutela delle libertà personali e dei diritti civili, oltre che della necessità di una maggiore e migliore coesione sociale, che consenta di gestire al meglio gli equilibri e le specificità espresse dal territorio. Tener conto dei più deboli, degli emarginati, di quanti siano legittimamente tutelati dai diritti civili, al fine di garantire la coesione sociale, ed il rispetto dei diritti dei singoli, questo è l’impegno che ci siamo assunti quando abbiamo deciso di rappresentare i cittadini sugli scranni della politica, e questa è la direzione che seguiremo anche nell’esercizio del nostro compito di amministratori locali”.

– Paola Federico –


  • Articoli correlati

15/9/2020 – Potenza, il consigliere Napoli chiede scusa dopo le dichiarazioni sull’omosessualità: “Espressioni infelici”

14/9/2020 – “L’omosessualità è contro natura”. A Potenza polemica per la frase del consigliere di Fratelli d’Italia Napoli

Un commento

  1. Poi vi ammazzano i preti
    Io sto con Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.