Le Autolinee Curcio sono risultate aggiudicatarie del bando di gara per la concessione del nuovo Terminalbus voluto dal Comune di Eboli (T.Eb.us).

La struttura si trova all’ingresso del centro urbano, in via Ludovico da Casoria, distante appena 80 metri dalla stazione ferroviaria, lungo l’asse viario Eboli-Battipaglia, vicino ad un importante centro commerciale e nel mezzo di un centro residenziale in espansione, nelle immediate vicinanze della sede dei Vigili del Fuoco e della Polizia Stradale e, non meno importante, ad appena 500 metri dall’uscita autostradale.

E’ dotata di numerose corsie, di servizi igienici e di sala d’attesa coperta, è previsto un servizio di vigilanza ed illuminazione notturno. A completare i servizi offerti, nel TEbus è previsto un defibrillatore semiautomatico (puntoDAE), ricarica elettrica per telefoni cellulari, un erogatore di snack e bevande ed un impianto video con sorveglianza in remoto. Coloro che devono lasciare la propria auto in sosta potranno usufruire liberamente dell’ampio parcheggio sorvegliato ad uso pubblico prospiciente il vicino Centro Commerciale.

La struttura, sia per la sua ubicazione che per la sua funzionalità, riveste certamente un ruolo strategico quale snodo di integrazione dei servizi “ferro-gomma” ma anche  “gomma-gomma” con il servizio urbano di Eboli e per le aree ad est (Piana del Sele e Cilento) ed a sud (Alburni, Tanagro e Vallo di Diano) della città. “Le Autolinee Curcio, – fanno sapere dall’azienda – dopo l’esperienza maturata con la gestione del proprio Terminalbus di Polla, intendono impegnarsi nel settore della mobilità indirizzando l’attenzione anche ai servizi correlati: come sta accadendo nel trasporto merci, finalmente anche nel trasporto persone gli Enti locali sono sensibili alle infrastrutture strumentali alla logistica del trasporto. E’ auspicabile che anche altri Enti vorranno seguire l’esempio di Eboli, realizzando o migliorando i propri terminalbus”.

L’inaugurazione, a cura del Comune di Eboli, è prevista il prossimo 28 novembre alle ore 16. Dal giorno successivo l’azienda attesterà presso il T.Eb.us le fermate di tutti i suoi collegamenti diretti a Roma, a Fiumicino, in Toscana, in Umbria e nelle Marche oltre per i servizi gestiti in pool con BusItaliaSimet e diretti in Emilia Romagna, in Lombardia, in Piemonte, nel Veneto, in Trentino e nel Friuli Venezia Giulia. Lo spostamento della fermata interesserà anche i servizi diretti a Salerno, Lancusi e Fisciano.

– Paola Federico –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*