Sono stati numerosi in questi giorni i controlli dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza nei paesi del Vallo di Diano, in particolare ai confini con la Basilicata.

I militari del nucleo ispettivo hanno effettuato dei controlli e rilevato delle irregolarità all’interno di attività che si occupano della filiera agroalimentare e in alcuni agriturismi situati in vari comuni del Vallo di Diano. Nel settore della filiera agroalimentare, i militari hanno controllato le posizioni lavorative di 13 persone. Di queste, solamente 3 sono risultate regolarmente assunte, mentre per le altre 10 i militari hanno scoperto diverse irregolarità di varia natura. Infatti, 5 sono risultati totalmente in nero e sconosciuti alla pubblica amministrazione, uno è risultato del tutto clandestino (di nazionalità indiana) e quindi fotosegnalato.

Durante i controlli non è mancato il supporto dei Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina, agli ordini del Capitano Davide Acquaviva, visto che le attività di controllo avviate sono state preventivamente decise insieme al Comando Provinciale dei Carabinieri di Salerno.

Inoltre sono state controllate anche altre attività, tra cui agriturismi. Per due attività è stato emesso il provvedimento di sospensione per aver impiegato lavoratori in nero nella misura superiore del 20% della forza lavoro. Il controllo, teso al contrasto del lavoro nero e all’evasione previdenziale, ha visto l’impegno dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Potenza a seguito della razionalizzazione decisa dall’ispettorato Nazionale del Lavoro.

– Claudio Buono –

2 Commenti

  1. lavoratore in nero says:

    Le aziende più grandi che si possono permettere le mazzette (sono molte) sanno in anticipo che ci saranno i controlli e non fanno trovare lavoratori in nero. Come sempre prendono il pesce piccolo (che a volte veramente non si può permettere di assumere) che fa già fatica a rimanere sul mercato con questo Stato tiranno.

  2. Rocco Panetta says:

    Coloro che si lamentano che i controlli vengono fatti dall’Ispettorato del Lavoro di Potenza in alcuni Comuni del Vallo di Diano dovrebbero chiedere che controlli analoghi vengano fatti negli altri Comuni, che ancora dipendono dall’Ispettorato del Lavoro di Salerno.Se non accadrà ciò sarà meglio che tutti i controlli nel Vallo di Diano vengano fatti dall’Ispettorato del Lavoro di Potenza. Ricordo che nel Vallo di Diano, fino a quando è esistita la Legione Carabinieri con sede a Salerno, i controlli venivano fatti dai Carabinieri NAS di Potenza e non dai Carabinieri NAS di Salerno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*